CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Investigazioni Aziendali: 5 casi in cui sono necessarie

Più informazioni su

Per creare un’azienda produttiva e competitiva è necessario fidarsi dei propri collaboratori e informarsi prontamente riguardo comportamenti fraudolenti interni o esterni all’attività. Per un’impresa, a prescindere dalle dimensioni e dal numero di dipendenti, deve rivolgersi ad un’agenzia investigativa specializzata in indagini aziendali se nutre dubbi su alcuni dipendenti o sospetta che possano verificarsi condotte fraudolente.

Vi sono cinque casi in cui è necessario procedere a delle investigazioni aziendali: verifica dei requisiti dei neo-assunti, licenziamento per giusta causa, presunta concorrenza sleale, rilevazione di discrepanze nella contabilità o furti.

Prima di assumere un nuovo dipendente è opportuno verificare la veridicità delle informazioni fornite e valutare le reali competenze del candidato per non rischiare di ritrovarsi con un neo-assunto incapace di svolgere le mansioni assegnate. L’indagine pre- assunzione si basa sulla raccolta di informazioni ricavate da banche dati ufficiali, dall’analisi del curriculum vitae e dalla verifica di precedenti attività lavorative.

In alcuni casi è necessario conoscere anche il profilo reddituale del candidato per verificare l’assenza di problemi finanziari con gli istituti di credito.  L’investigazione aziendale è fondamentale per la raccolta di prove che permettono al datore di giungere al licenziamento per giusta causa; questo strumento previsto dal Codice Civile può essere usato solo in alcuni casi specifici: simulazione infortunio o malattia, furto di beni aziendali, comportamenti violenti, false timbrature del cartellino, violazione del patto di concorrenza, etc.

Per evitare l’impugnazione del licenziamento per giusta causa da parte dell’ex-dipendente, si svolge un’indagine aziendale che comprovi la presenza di uno dei motivi gravi che hanno determinato l’interruzione del rapporto lavorativo.

La concorrenza sleale è uno dei casi in cui è necessario intervenire con indagini aziendali, poiché è una situazione che può causare danni patrimoniali e d’immagine ingenti. La concorrenza sleale può essere sia interna che esterna, nel primo caso è opportuno verificare che i dipendenti non sottraggano all’azienda know how, brevetti e marchi.

Nel secondo caso, la concorrenza proviene da un competitor che si appropria di prodotti, marchi, brevetti e dipendenti quindi serve una raccolta di prove (foto, video, documenti) per comprovare in sede civile la condotta sleale.

L’ultimo caso in cui è necessario porre in essere un’investigazione aziendale è rappresentata dalla sottrazione di beni aziendali o di fondi dal luogo di lavoro. Per comprovare l’appropriazione indebita da parte dei dipendenti in giudizio è necessario raccogliere elementi di prova concreti a carico del dipendente fraudolento.

 

Più informazioni su