CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

A Villa Carlotta with LOVE per LakeComo Festival

Secondo concerto a Villa Carlotta per il LakeComo Festival, sabato 10 giugno ore 17 it’s time to LOVE. Si intitola così il programma proposto da Anna Serova alla viola e Floraleda Sacchi all’ arpa.

Floraleda musicista di fama internazionale, è anche la direttrice artistica del festival organizzato dall’Associazione culturale Amadeus Arte.  La violinista russa Anna Serova è  unica nel panorama internazionale, solistico e della musica da camera. Negli ultimi anni ha ricevuto dediche da alcuni dei più importanti compositori contemporanei, i quali hanno creato per lei un nuovo genere di composizione, unendo la forma del concerto all’azione scenica di un’ opera di teatro.

Il programma proposto nel concerto di Villa Carlotta  unisce con delicatezza autori di epoche e provenienze diverse all’insegna dell’amore: “Après un réve” è la Romanza più celebre di Fauré, fa parte delle Mélodies che il compositore francese usava dedicare a gentildonne amiche, i cui nomi costituiscono un ampio catalogo della buona società parigina della seconda metà dell’800. Meno conosciuto il compositore inglese Edward Elgar di cui verrà eseguita “Salut d’amour” che il musicistà regalò alla futura moglie Caroline, una dichiarazione d’amore, pura, semplice e gentile. Tra i contemporanei c’è l’argentino Ariel Ramirez, la sua”Alfonsina y el mar” è stata scritta con il poeta Felix Luna. E insieme a questi altri passaggi amorosi da Anna Serova e Floraleda Sacchi.

Il concerto è in collaborazione con Ente Villa Carlotta.
Il biglietto d’ingresso include il concerto, la visita alla mostra, al museo e ai giardini della villa.

 

LakeComo Festival

Sabato 10 giugno ore 17

Villa Carlotta via Regina – Tremezzina

Anna Serova (Viola) e Floraleda Sacchi (Arpa): LOVE

programma:

Gabriel Fauré: Après un rêve Op. 7 n. 1
Sergej Rachmaninov: Vocalise op. 34 n. 14
Franz Schubert: Ständchen D957 n. 4
Edward Elgar: Salut d’amour Op. 12
Franz Liszt: Liebestraum n. 3
Pëtr Čajkovskij: Leggenda Op. 54 n. 5, Ninna nanna nella tempesta Op. 54 n. 10
Roberto Molinelli: New composition première
Ariel Ramirez: Alfonsina y el mar
Alberto Ginastera: Cancion al albor del olvido
Astor Piazzolla: Escualo, Ave Maria, Verano Porteño, Primavera Porteña, Oblivion

 

Biglietti/Tickets

– 15€ intero (concerto e visita Villa)
– 7,50€ ridotto/convenzioni (concerto e visita Villa)

Hanno accesso gratuito:
– tutte le persone fino a 14 anni
– tutte le persone non vedenti o portatrici di handicap e i loro accompagnatori
– Ingresso gratuito per i Soci e tesserati Amici di Amadeus Arte
RICHIEDI LA TESSERA 2017 >>>

I biglietti sono in vendita presso la sede del concerto.
La biglietteria apre un’ora prima dell’inizio del concerto.

Prevendita/Pre-sale:
LakeComo Festival Website
Vivaticket
 

Anna Serova
Figura unica nel panorama internazionale, solistico e della musica da camera, la violista Anna Serova ha ricevuto nei ultimi anni dediche da alcuni dei più importanti compositori contemporanei, i quali hanno creato per lei un nuovo genere di composizione, unendo la forma del concerto all’azione scenica di un’ opera di teatro. Il compositore Azio Corghi ha riscritto per lei, in una nuova versione con viola solista, la cantata “Fero dolore” che è stata trasmessa dal canale satellitare Sky Classica. Molte le prime esecuzioni come “Tang-Jok(Her)” di A.Corghi, “Dumka” di Paolo Pessina, e la Tragedia lirica “Giocasta” di Azio Corghi al Teatro Olimpico di Vicenza, dove suonando e recitando sulla scena, Anna Serova impersona il destino. Ha eseguito in Prima Brasiliana “Requiem Olocausto” di B.Pigovat a Manaus e le prime esecuzioni nazionali di “Viola Tango Rock Concerto” del compositore Benjamin Yusupov in Russia, Serbia e Messico.… Dopo aver studiato con Vladimir Stopicev (Alto perfezionamento al Conservatorio di San – Pietroburgo), con Bruno Giuranna (Accademia W. Stauffer di Cremona) e Juri Bashmet (Accademia Chigiana di Siena) ha cominciato una brillante carriera concertistica che l’ha vista protagonista di alcune delle più importanti stagioni concertistiche e di festival italiani ed esteri. Per la rara bellezza del suono e per la sua notevole duttilità artistica, Anna Serova è molto richiesta nella musica da camera ed è esibita come solista nelle più prestigiose sale concertistiche del mondo con orchestre come la Moscow State Symphony Orchestra, Siberian Symphony Orchestra, Karelia Symphony Orchestra, Krasnoyarsk Chamber Orchestra, Arkhangelsk State Chamber Orchestra, Orchestra di Padova e del Veneto, Orchestra del Teatro Olimpico, Orchestra da Camera dell’ Amazzonia, Belgrade Philharmonic, Amazonas Philharmonic, Orchestra Sinfonica di Roma, Orchestra dell’Arena di Verona ecc… Anna Serova presta volentieri la sua arte per beneficenza. Al programma “Polio Plus” del Rotary International ha dedicato tre dischi: nel 2002 e nel 2004 come solista diretta da Filippo Faes con la Krasnojarsk Chamber Orchestra e nel 2010 “Viola Collection” , con la pianista Jenny Borgatti, in cui ha utilizzato la preziosa Viola Amati “La Stauffer 1615” di proprietà della “Fondazione Stauffer” custodita nella Collezione Comunale di Cremona. Ha inciso anche per Naxos, Brilliant Classics e Decca entusiasmando la critica e ottenendo premi e riconoscimenti. Anna Serova è protagonista del Festival “Siberia – Europa” che si tiene ogni anno, all’inizio dell’estate, nella città siberiana di Krasnoyarsk. Nel 2006 il Sindaco di Krasnoyarsk ha nominato Anna Serova “Ambasciatore Culturale e Commerciale della Città”. Grazie alla sua opera, è stato firmato il Protocollo d’intenti tra Cremona e la Città siberiana, per mezzo del quale si organizzano scambi culturali, commerciali e amministrativi tra la vasta regione della Siberia centrale e l’Italia. Costantemente invitata a tenere dei Master Class nelle migliori Accademie di Russia ed Europa. É docente di viola e musica da camera presso l’Accademia Internazionale di alta formazione “Perosi” di Biella.

 

Floraleda Sacchi
Floraleda Sacchi è riconosciuta dalla critica come una delle più interessanti arpiste sulla scena internazionale: “Floraleda s’inventa un capitolo affascinante della storia moderna dell’arpa” (La Repubblica), “la miglior arpa che abbiate mai sentito” (American Record Guide) “l’arpa di Floraleda si sposa particolarmente bene alla logica minimalista di Philip Glass” (The Indipendent)…

Floraleda ha venduto migliaia di dischi incidendo per le principali major discografiche (Decca, Universal, Philips e Deutsche Grammophon) e per Tactus, Brilliant Classics, Amadeus Arte, ecc..

Ha vinto 16 premi in competizioni musicali internazionali e ha suonato in importanti sale e festival, tra cui: Carnegie Hall-Weill Recital Hall e Palazzo delle Nazioni Unite (New York), Gewandhaus-Mendelssohn Saal (Lipsia), Konzerthaus-Kleiner Saal (Berlino), Auditorium Binyanei Hauma (Gerusalemme), Sala Verdi (Milano), Prefectural Hall Alti (Kyoto), Salle Varèse (Lione), Gasteig (Monaco), Concerts de la Croix Rouge (Ginevra), Gessler Hall (Vancouver), Glenn Gould Studio (Toronto), River Concert Series (Washington), Società del Quartetto Milano, Festival Musica no Museo (Rio de Janeiro), Auditorium della Conciliazione (Roma), Festival de Carthage (Tunisi), Quintai Hall (China), ecc.

E’ stata solista con numerose orchestre (Neubrandenburger Philharmonie, Camerata Portuguesa, Milli Reasurans Oda Orkestrası, Wuhan Philharmonic, Orchestra Regionale Toscana, ecc). È apparsa come solista con l’Orchestra Giovanile Italiana per il Concerto di Natale trasmesso su RAI 3 e in mondovisione e vari dei suoi concerti sono stati trasmessi in diretta dalle principali emittenti radio.
Nel 2014 ha registrato un concerto per arpa e orchestra d’archi composto da Manuel De Sica con la Filarmonica Toscanini (CD Brilliant Classics). Nel 2016 ha presentato un nuovo concerto dedicato a lei dalla compositrice Claudia Montero (Grammy 2014 e 2016).

Curiosa e vivace, Floraleda, oltre a suonare musica classica, ama sperimentare con l’elettronica e ha composto musica per il teatro e il cinema.
Ha realizzato le musiche di scena del monologo “Donna non rieducabile” (con Ottavia Piccolo). Lo spettacolo ha superato le 150 repliche (dal Parlamento Europeo di Buxelles ai principali teatri italiani) ed è stato trasformato da RAI 2 in un film, presentato alla 66° Biennale del Cinema di Venezia e commercializzato in DVD da PromoMusic.

Floraleda tiene masterclass in Europa, Stati Uniti e Canada.
A 21 anni ha ottenuto il premio Harpa Award (Praga, 1999) per il suo libro su Elias Parish Alvars (Odilia Publishing), autore romantico per cui è tutt’oggi considerata il maggiore esperto.
I suoi articoli sono apparsi in tutto il mondo su testate giornalistiche specializzate (American Harp Journal, Harpa, World Harp Congress Review) contribuendo alla riscoperta di vari autori.
Ha curato una ventina di edizioni musicali per l’editore Ut Orpheus.

Nata a Como, è stata ispirata dai dischi di Annie Challan a suonare l’arpa. Ha studiato al Conservatorio di Como e si è perfezionata con Alice Giles (Frankfurt a/M), Alice Chalifoux (Salzedo School, USA) e con Judy Loman (Toronto, Canada).