CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Il Lexotan nel caffe’, parlano le due arrestate per lo stalking di Pusiano foto

Insegnante ed amica davanti al giudice per l'interrogatorio di garanzia. Cercano di ridimensionare la loro posizione, restano entrambe ai domiciliari.

Parlano, certo,spiegano e cercano anche di ridimensionare le accuse che le hanno portate agli arresti domiciliari da ormai una settimana. Doppio interrogatorio di garanzia in tribunale a Como davanti al giudice delle indagini preliminari. Accompagnate dai loro avvocati, a palazzo di giustizia sono arrivate l’insegnante (Arianna Rocca) e la mamma sua amica (Cristina Gelpi) della scuola Rosmini di Pusiano, al centro della nota vicenda di stalking e lesioni ai danni di un’altra insegnante del medesimo istituto. Come detto, le due hanno risposto alle domande del giudice, fornendo la loro ricostruzione dei fatti. Hanno spiegato anche il famoso caffe’ allungato con il Lexotan dato alla collega a scuola che poi si e’ sentita male. Nulla trapela, al momento, sull’esito della loro spiegazione. Di sicuro, pero’, hanno risposto alle domande del giudice

Insegnante e amica, entrambe canturine, restano ai domiciliari dopo l’interrogatorio di garanzia. I rispettivi legali non hanno avanzato al giudice alcuna richiesta di attenuazione di questa misura cautelare.