CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Due film unici allo Spazio Gloria foto

Più informazioni su

Da qualche tempo lo Spazio Gloria di via Varesina a Como ci ha abituato a serate di “film unici” nel senso di pellicole molto particolari che non entrano nelle normali programmazioni delle sale e che il Gloria proietta solo per una sera.

Solo martedì 11 aprile, ad esempio, sarò possibile vedere un film bellissimo, intenso, potente, unico, candidato agli Oscar come miglior documentario: “I’m not your Negro” di Raoul Peck.

Cruda e appropriata riflessione sulla condizione della popolazione afro-americana vista attraverso gli occhi e le parole di James Baldwin, romanziere tra i più importati e celebrati della letteratura americana del XX secolo che, negli anni cruciali della lotta per i diritti civili e l’abolizione della segregazione razziale, si impegnò a testimoniare la violenza e le ingiustizie perpetrate nei confronti dei membri della sua comunità da parte della classe dominante.

Basato sul manoscritto incompleto, “Remember This House” di James Baldwin, pensato per una vita e mai pubblicato finchè  Raoul Peck ne ha acquisito i diritti per realizzarne un documentario “testamentario” sulla secolare questione dei neri, mescolando materiali d’archivio al proprio girato sullo sfondo dell’inedito testo letto da Samuel L. Jackson.

Inizio film ore 21

Ingresso intero 7 € – Ridotto 5 €

Riservato ai soci Arci

 

 

Solo mercoledì 12 aprile, invece, torna in sala la versione restaurata e integrale del film diretto nel 1965 da Milos Forman GLI AMORI DI UNA BIONDA.

E’ la commedia dolceamara che rivelò anche in Occidente il talento di Milos Forman, futuro autore di “Qualcuno volò sul nido del cuculo”, “Hair” e “Amadeus”, inaugurando la stagione della nova vlna, la nouvelle vague praghese. Le disillusioni amorose d’una giovane operaia, in fuga dal torpore della provincia, si stagliano nel ritratto d’una generazione nuova e indecisa a tutto, ma risolutamente (e comicamente) fuori dal linguaggio e dalle retoriche ufficiali della ‘programmazione socialista’.

Forman, con questo film in cui prevale la consapevolezza della necessità di un cambiamento di prospettiva che è tanto necessario quanto difficile da conseguire in modo stabile e duraturo otterrà un grande successo di pubblico in patria e numerosi riconoscimenti internazionali.

Inizio film ore 21

Ingresso 5 €

Riservato ai soci Arci

 

Più informazioni su