CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Il Museo del Cavallo Giocattolo ospite del Triennale Design Museum per Giro Giro Tondo. Design for Children

Più informazioni su

Quest’anno per la prima volta nella sua storia e per un intero anno il Museo del Cavallo Giocattolo sarà ospite del Triennale Design Museum con due tra i suoi esemplari più prestigiosi.

I cavalli Edoardo e Fortunato entrano infatti a far parte di Giro Giro Tondo. Design for Children che racconta la storia del design italiano dedicato al mondo dell’infanzia. Una mostra che presenta il design e l’architettura per i più piccoli, attraverso i giochi e le immagini che li hanno divertiti, gli spazi in cui si sono mossi e gli oggetti che li hanno aiutati a crescere.

museo cavallo giocattolo

Il percorso è strutturato in 10 differenti sezioni tematiche: dalla storia dell’arredo, a quella del giocattolo, delle installazioni urbane, degli interventi performativi e delle architetture, passando attraverso la storia della grafica, dell’illustrazione e dell’editoria, dell’animazione, degli strumenti per la scrittura e il disegno.

L’allestimento ha una forte componente figurativa, con un’anima pop, ed è punteggiato da stazioni in cui i giovani visitatori possono interagire, giocare, imparare.

In particolar modo la sezione storia del giocattolo, a cura di Luca Fois con Renato Ocone, è quella in cui si innestano sia i giochi Chicco sia i due esemplari Edoardo e Fortunato del Museo Cavallo Giocattolo che fanno da ‘ponte’ con la sezione Arredo.

 

Entrambi sono cavalli a dondolo italiani dei primi del Novecento: Edoardo è scolpito in legno ed è dipinto a mano con decorazioni tipiche della Val Gardena, Fortunato è un “futuristico” cavallo a dondolo dalla forma stilizzata e geometrica in legno policromo con particolari in metallo montato su un singolare doppio dondolo che gli permetteva l’avanzamento.

Suddivisa in tre differenti aree, la sezione, che ospita Edoardo e Fortunato, mostra l’evoluzione del giocattolo attraverso l’esposizione di 100 oggetti che ne hanno fatto la storia. Si passa infatti dai giocattoli più antichi di inizio ‘900 ai giocattoli degli anni ’70/’80 in cui cominciano ad emergere le singole abilità dei bambini e nascono i primi giochi di ruolo.

In questo contesto si collocano il noto Chicco Rodeo (cavallino cavalcabile) e, nell’ultima area, quella dagli anni ’90 ad oggi, tra i giochi più moderni, compare lo Smartphone Chicco, a sottolineare l’importanza del bilinguismo in un contesto di città contemporanea dei giochi che di pari passo con la società moderna simula sempre di più le esigenze del momento.

 

I DUE CAVALLI DEL MUSEO CAVALLO GIOCATTOLO

 

Edoardo è un cavallo a dondolo in legno, scolpito e dipinto a mano, dei primi del Novecento. Arriva dalla Val Gardena, nel cuore delle dolomiti, regione in cui la pastorizia offriva il tempo per cimentarsi nell’intaglio e i boschi procuravano la materia prima. I cavalli giocattoli di questa zona si distinguono per l’utilizzo di colori vivaci e di motivi floreali.

museo cavallo giocattolo

Fortunato è un originale cavallo giocattolo montato su un doppio dondolo che gli permette di avanzare. Fortunato si distingue per le sue forme stilizzate e geometriche, che lo rendono un cavallo dal carattere furbo e feroce. È di legno dipinto di rosso e con particolari in metallo. È un giocattolo italiano realizzato a inizio Novecento, durante gli anni del Futurismo. Porta, infatti, il nome di uno dei più grandi artisti futuristi, Fortunato Depero, che disegnò e realizzò molti giocattoli. Nel 1915 sul manifesto della “Ricostruzione futurista dell’universo” l’artista scrisse di voler costruire “giocattoli che abitueranno il bambino: a ridere apertissimamente; allo slancio immaginativo; ad agilizzare la sensibilità; al coraggio fisico”. Fortunato realizza pienamente questi propositi.

museo cavallo giocattolo

Più informazioni su