CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Mariano Comense: al via il cantiere nella Dialisi, pazienti spostati a Como e Longone

Apre oggi,  lunedì 3 aprile,  il cantiere per i lavori di ristrutturazione della Dialisi. Il reparto del presidio polispecialistico “Felice Villa” ha sospeso le attività sanitarie venerdì scorso per consentire agli addetti lo spostamento di arredi, materiali e apparecchiature. I 40 pazienti seguiti nella struttura marianese sono già stati affidati agli altri centri aziendali.

Nel dettaglio, 26 persone si sottoporranno al trattamento nel Cal di via Napoleona a Como, 10 nella Dialisi dell’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia e 4 nel Cal di Longone al Segrino.
Lo spostamento è stato concordato dalla Direzione e dai medici e infermieri di reparto con i dializzati e i loro familiari nel corso di alcune riunioni svoltesi nelle scorse settimane.

L’intervento edilizio mira a riqualificare gli spazi e a renderli più confortevoli e più funzionali sia per i pazienti sia per gli operatori. Si inizierà con alcuni opere in carico all’Ufficio Tecnico Aziendale poi si proseguirà con gli altri lavori, attualmente in fase di aggiudicazione provvisoria, che comprendono il rifacimento di pavimenti, bagni e controsoffitti e l’adeguamento degli impianti per un investimento di circa 150mila euro. Il restyling del reparto durerà circa sei mesi. Si tratta del terzo lotto di un “pacchetto” di lavori che ha già portato all’ampliamento, tra l’altro, di un ascensore e della realizzazione di un’area di sbarco proprio al piano della Dialisi.

La Dialisi di Mariano è dotata di 12 posti e lavora su due turni giornalieri dal lunedì al sabato. L’Azienda socio sanitaria territoriale Lariana sta lavorando da tempo per migliorare il reparto Marianese sia da un punto di vista tecnico sia del comfort e della sicurezza. Due anni fa circa, infatti, è stato cambiato l’impianto per l’osmosi con un investimento di circa 200mila euro.
Al “Felice Villa” partiranno a breve anche altri lavori. Si tratta del rifacimento del manto di copertura del tetto dell’edificio A.