Carletto super

Che festa, ragazzi: torna il “Charlie” e Cantù mette le ali. Reggio al tappeto fotogallery

I tifosi in delirio, il nuovo coach rimette la squadra a posto e la porta ad una grande vittoria. Break decisivo nel terzo tempo, poi il controllo. Cournooh strepitoso

Che festa ragazzi. Una prima da favola per la Mia Cantù che supera (98-83) Reggio Emilia al PalaDesio e si porta a casa due punti d’oro per la salvezza. Ma che festa anche per il ritorno in panca del Charlie che si è preso in mano la squadra e l’ha portata a successo anche se ci sono stati momenti difficili. In particolare nel secondo quarto. Mia subito bene avanti, trasinata da un Cournooh in serata di grazia: il numero 5 di Cantù come un’iradidio. Semplicemente perfetto.

Il break decisivo i brianzolo lo hanno piazzato nel terzo tempo: parziale di 10-0 e inerzia del match a favore. Johnson e Cournooh trascinatori, bene anche Acker e Parrillo. Alla fine è un trionfo. Il Charlie felice, i tifosi entusiasti del suo ritorno in panca.

MIA CANTU’  98

GRISSIN BON REGGIO EMILIA  83

 (26- 24, 47- 48, 73- 62)

 

MIA CANTU’: Acker 11, Ballabio ne, Cournooh 22, Baparapè ne, Parrillo 7, Pilepic 9, Calathes 2, Callahan 7, Darden ne, Dowdell 7, Quaglia 5, Johnson 28. All. Recalcati.

GRISSIN BON REGGIO  EMILIA: Aradori 9, Needham 5, Polonara 20, Reynolds 4, Della Valle 21, De Nicolao 6, Strautins ne, Kaukenas 8, Cervi 6, Williams 4. All. Menetti.

 

Arbitri: Begnis, Weidmann, Grigioni.

leggi anche
recalcatipallacanestro cantù nuovo coach
Grande attesa....
Desio, tutto in una sera: il debutto del nuovo sponsor e del “Charlie”
recalcati firma contratto con cantù e irina gerasimenko
Ora è fatta.....
Ecco l’annuncio: Bolshakov rinuncia alla panchina di Cantù, ritorna il “Charlie”
Mia perfetta con Reggio, grande ritorno in panchina del Charlie
La vittoria
La Mia di Recalcati travolge Reggio, rivediamo le azioni più spettacolari
Charlie funziona bene: la Mia espugna Caserta
Il charlie funziona....
Che grande Mia: espugna Caserta con le magie di Cournooh e Johnson
commenta