La tragedia

Villaguardia in lutto per il vigile morto nel lago: i colleghi lo ricordano alla messa

Stefano Casartelli descritto come prudente e scrupoloso nelle sue immersioni in acqua: qualcosa è andato storto mercoledì a Mandello. La cerimonia nella chiesa parrocchiale di Maccio.

Costernazione e dolore per una tragedia che ha ancora molti lati oscuri. Perchè Stefano Casartelli, 49 anni proprio oggi, era descritto come meticoloso e prudente da chi lo conosce bene. Dunque, non un sub improvvisato e senza regole. Ma questa ultima immersione, una sua grande passione, gli è stata fatale. Casartelli, che lascia una figlia di 11 anni, si è sentito male davanti a Mandello mercoledì pomeriggio: insieme ad un amico, che non vedendolo riemergere ha dato l’allarme, si era immerso nelle acque gelide del lago. Quanto hanno influito le condizioni del Lario è difficile poterlo dire con precisione.

Casartelli è stato ritrovato dai sommozzatori dei pompieri ancora vivo, ma già in arresto cardiaco. Inutile le disperata corsa all’ospedale di Lecco. Choc tra i colleghi della polizia locale di Como dove Casartelli lavorava da anni: era vice-commissario: costernato il comandante Donatello Ghezzo. E choc pure a Villaguardia, il paese dove abita la sua famiglia e la figlia 11enne. Domani pomeriggio (sabato 21), alle 14,30 nella chiesa di Maccio, il funerale.

Casartelli è stato ricordato stamane nel corso della festa – modificata dopo questo lutto –  della Polizia Locale di Como  (San Sebastiano, patrono del Corpo) che a seguito della scomparsa del collega ha deciso di modificare le celebrazioni e limitarsi al rito religioso (alle 10.30 nella chiesa di San Martino a Rebbio) e a una breve cerimonia civile dopo (al Teatro Nuovo di Rebbio).

(foto del luogo della tragedia da Lecconotizie.com)

leggi anche
sub annegato nel lago di mandello
La tragedia
Malore dopo l’immersione nel lago: muore vigile di Como, Comando sotto choc
commenta