CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Brutto volo: escursionista varesino morto nel canalone in Val Cavargna foto

L'uomo era uscito da casa il giorno di Santo Stefano per una gita, mai più rientrato senza dare notizia. Difficile il recupero: impegnati pompieri, soccorso alpino e 118.

E’ stato ritrovato senza vita un escursionista varesino di 68 anni – Pierluigi Macchi – di cui si erano perse le tracce dallo scorso 26 dicembre. Aveva lasciato l’auto parcheggiata ed era risalito verso il Pizzo di Gino (2245 m di quota), in Val Cavargna. Non essendo rientrato come previsto, i familiari hanno dato l’allarme. In queste ore c’è stato il ritrovamento dell’auto nella zona di San Bartolomeo – San Nazaro da parte di un conoscente dell’uomo e questo ha consentito di restringere l’ambito delle ricerche.

La Centrale operativa del 112 ha quindi inviato sul posto le squadre territoriali del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico appartenenti alla Delegazione – Stazione Lario Occidentale e Ceresio, una ventina i tecnici impegnati, che si sono portati in quota e hanno diretto le ricerche verso la cresta, la via normale e alcuni canali ripidi. Nel frattempo, l’elicottero dei Vigili del fuoco, che perlustrava il territorio dall’alto, ha individuato l’uomo in un canale impervio. La Centrale operativa a quel punto ha inviato sul posto l’équipe medica e il tecnico di elisoccorso del CNSAS. Le squadre territoriali intanto sono salite lungo il canale, a supporto dell’équipe. Infine è stato disposto il trasferimento dell’uomo all’ospedale Sant’Anna di Como.

Probabile che Macchi sia rimasto vittima di una scivolata: una caduta in un canalone dove è stato poi ritrovato in queste ore. Il decesso  risalirebbe proprio al giorno di Santo Stefano.