CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Interrogatori degli indagati: ma i primari non si presentano in caserma foto

Il responsabile del Pronto soccorso, accusato di aver "coperto" il dottor Cazzaniga, e quello dell'area di urgenza non si presentano. Parla una infermiera del pronto soccorso

E’ stata una nuova giornata di interrogatori quella che si è svolta oggi nella caserma dei Carabinieri di Saronno in via Manzoni. Ad essere ascoltati sono stati alcuni degli indagati nella vicenda del medico Leonardo Cazzaniga, accusato di cinque omicidi, e dell’infermiera Laura Taroni, accusata dell’omicidio del marito con un cocktail di farmaci. A sfilare nelle stanze del comando saronnese è stato il medico del Pronto Soccorso Elena Soldavini,difesa dall’avvocato gallaratese Giovanni Pignataro, che si è presentata senza essere convocata per rilasciare spontanee dichiarazioni sulla vicenda

morti sospette saronno arresti

Ha scelto di non presentarsi alla convocazione, invece, il primario del Pronto Soccorso Nicola Scoppetta (difeso da Massimo Pellicciotta) sul quale gravano accuse più pesanti in quanto avrebbe omesso, in qualità di pubblico ufficiale, di denunciare all’Autorità giudiziaria o ad altra autorità” i reati commessi da Cazzaniga  e di aver comunicato agli infermieri dai quali proveniva la segnalazione sui trattamenti trerapeutici somministrati da Cazzaniga che la condotta del medico era da considerarsi corretta e che non vi era alcun nesso di causalità tra i farmaci infusi dal medico e la morte dei pazienti, aiutando Cazzaniga ad eludere le indagini. Non ha parlato neanche il responsabile dell’Emergenza-Urgenza dell’ospedale saronnese Fabrizio Frattini, difeso dall’avvocato Gianluigi Tizzoni, sul quale gravano le stesse accuse.