CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Ispirato dall’ex chiesa di San Francesco, Jacques Toussaint in mostra “L’esprit des lieux” foto

Più informazioni su

Inaugura domani, sabato 3 dicembre ore 17,  la mostra dell’artista francese Jacques Toussaint. L’esprit des lieux, realizzata in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura della città e con lo Studio d’arte Valmore di Vicenza, con il patrocinio dell’Institut Français di Milano.  Fino al 27 dicembre l’ex Chiesa San Francesco (ora Spazio Culturale Antonio Ratti), ospita un percorso di installazioni la cui disposizione nello spazio consente una lettura accattivante ed evocativa del sottile filo conduttore di un racconto riferito agli elementi del Cantico delle creature di San Francesco.

Le grandi dimensioni dell’ex chiesa e la sua dedica a San Francesco hanno permesso all’artista francese, attivo in Italia dal 1971, di entrare appieno nelle “spirito del luogo”. L’esprit des lieux, il titolo della mostra, sottolinea la volontà di esporre lavori in cui l’ex-chiesa di San Francesco gioca un ruolo determinante e si ispira a uno studio di Laurier Turgeon (Université Laval, Quebec. Canada) che, a proposito del valore intrinseco di un luogo in cui l’azione dell’uomo si esplica, scrive: “Lo spirito del luogo: tra materiale e immateriale. Invece di separare lo spirito e il luogo, l’immateriale e il materiale, di porli a contrasto, proponiamo di esplorare i modi con i quali i due sono uniti da una stretta interazione, l’uno costruito in rapporto all’altro. L’espressione “esprit du lieu” enuncia essa stessa i due elementi fondamentali di questa relazione, lo spirito che rimanda al pensiero, agli esseri umani e agli elementi immateriali, e il luogo che suggerisce un sito geografico, il mondo fisico, in breve, gli elementi materiali”

jacques trousaint

L’intento di Jacques Toussaint  è quindi quello di dialogare con il fruitore per mezzo di installazioni specifiche. In questo spazio di grande dimensione il percorso viene lasciato alla libera scelta del visitatore, a secondo delle sue preferenze e delle sue reazioni di fronte alle varie aree. La navata centrale- che può essere considerato punto di partenza, ma anche punto di arrivo dell’esperienza visiva –  accoglie il visitatore con un’installazione allusiva alla corona di Cristo, formata da cerchi di largo diametro, sottolineati da una luce al neon blu e da segmenti di luce che evocano le sue spine.

Da qui lo sguardo è subito richiamato dall’abside della chiesa, dove, prendendo spunto dai lacerti di affresco di Carlo Innocenzo Carloni presenti nell’abside e raffiguranti l’ultima cena, Jacques Toussaint anima lo spazio con dodici strutture in profilo di ottone saldate ad argento che contengono segmenti luminosi formati da sottili tubi al neon di colore blu intenso: un rimando alla presenza sacra dei dodici apostoli.

jacques trousaint

Nelle navate laterali l’artista propone infine una serie di installazioni concepite come allegorie degli elementi del Cantico delle Creature di San Francesco: Fuoco, Terra, Aria e Acqua.

Per l’Allegoria del Fuoco  ecco ” I vetri di san Francesco” eseguiti a mano volante dal maestro vetraio Alberto Striulli, vetri che avrebbero potuto comparire sulla tavola del Santo, essendo oggetti umili e minimali che testimoniano la magica trasformazione della materia: una silice informe che sotto l’azione del fuoco e per mano dell’uomo diventa puro vetro, trasparente, o anche lievemente colorato di blu cobalto.

La Terra, invece, si ritrova in vasche riempite di essenze botaniche rappresentative delle stagioni e quindi allusive ai cambiamenti che avvengono in natura proposte su una tavola dal disegno essenziale rese utilizzabili dalla presenza di doghe di legno grezzo.

Poi l’Aria si concretizza in segmenti di luce al neon che sembrano sfuggire allo sguardo, riflessi a terra da tante superficie specchianti che catturano lo sguardo. Formano una T, che forse non a caso sembra una croce commissa (cum-missa), un segno tanto caro al Santo di Assisi, che intende invitare alla contemplazione.

L’Acqua, infine: un video muove dall’immagine fissa del mare ripreso in controluce dove progressivamente piccole onde animano la sua superficie. Tramite un avvicinamento sempre maggiore al riflesso, creato dal movimento dell’acqua, si materializzano lentamente al suo interno delle forme riconducibili al percorso artistico di Jacques Toussaint, in particolare al suo ricorrente motivo grafico basato sull’elaborazione di un modulo ricorrente. Da questo modulo, creato da una formula geometrica semplice, duttile, possono nascere forme da applicare a superficie piane, o per formare grazie al sottile gioco di algoritmi elaborati da Vincenzo Nardino, impalpabili volumi fluttuanti nello spazio.

jacques trousaint

La mostra si completa con  due video e installazioni di ampio respiro, contribuendo a far emergere in questa proposta un’attenzione più marcata al rapporto con il luogo.

Una proposta, nell’insieme, semplice e complessa, la cui lettura è affidata alla sensibilità di ciascuno. Avvolta in una atmosfera in cui la luce blu, tipica dell’opera di Toussaint e diffusa nello spazio dalle varie altre installazioni, genera un ambiente che invita alla contemplazione.

 

JACQUES TOUSSAINT

L’esprit des lieux

Como, Spazio culturale Antonio Ratti. Ex chiesa di San Francesco,  Largo Spallino

3 – 27 dicembre 2016

Inaugurazione sabato 3 dicembre ore 17.00

 

 

Jacques Toussaint nasce a Parigi nel 1947. Inizia la sua attività in Italia nel 1971 dopo aver studiato a Parigi all’Ecole Nationale Supérieure des Beaux Arts. Partecipa a numerose mostre in gallerie ed istituzioni in Italia ed all’estero. Recente la mostra personale “…Que du bleu…! ” al Palazzo delle Stelline di Milano, in collaborazione con l’Institut Français Milan.

Sue opere sono presenti nelle collezioni permanenti di Denver Art Museum – Denver, Die Neue Sammlung – Monaco di Baviera, Kunstgewerbemuseum – Berlino, Museo Nazionale di Poznan (PL) e Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Forti – Verona.

 

 

Orari:

da Martedì a domenica 10-12

16.00-19.30

 

chiuso il 25.12

 

Ingresso libero

 

Più informazioni su