Quantcast
Delitto Nadia, la pista passionale prende corpo: stretto rapporto con Egli - CiaoComo
Il fatto

Delitto Nadia, la pista passionale prende corpo: stretto rapporto con Egli video

Emergono particolari dalla trasmissione di Raitre "Chi l'ha visto". Ma dalle autorità ticinesi nessuna conferma. Regali e viaggi assieme

Nessuna certezza, nè conferma dalle autorità svizzere. Ma il caso della maestra delle elementari di Stabio, trovata morta in un bosco di Rodero qualche settimana fa, sta continuando a focalizzare l’attenzione dei media nazionali. E proprio mercoledì sera il caso è stato ripreso con un servizio approfondito a “Chi l’ha visto?”, su Rai 3, in cui è stato messo in evidenza tra l’altro lo stretto rapporto che legava il cognato e la vittima: le comprava regali, andavano a concerti e in vacanza insieme. Lei è Nadia Arcudi, 35enne, sorella della moglie di Michele Egli, al momento unico indagato per il delitto e l’occultamento di cadavere anche e lui non avrebbe fatto ammissioni dirette.

Dal servzio di Raitre ecco che salta fuori come Michele, tecnico informativo all’Università Supsi di Lugano, avrebbe fatto numerosi regali a Nadia: dai pigiami alle mascherine per fare lezioni in classe con gli alunni. Ma tra un passaggio e l’altro – anche se non ci sono conferme dirette – sembra prendere sempre più corpo la pista passionale per il delitto, ipotesi finora rimasta un pò defilata, ma mai del tutto esclusa

 

leggi anche
nadia arcudi iccusa bosco rodero
Il giallo
La maestra forse morta a Rodero: il corpo già rientrato in Ticino
nadia arcudi iccusa bosco rodero
Il giallo
Ancora tanti misteri per la maestra uccisa: la salma ritorna in Ticino
conferenza stampa chiasso maestra uccisa
Indagine congiunta
Maestra uccisa, caso risolto in 48 ore da polizia cantonale e carabinieri
commenta