Il fatto del giorno

Emergenza profughi a Como: altro scontro ed il Comune ora chiede aiuto video

L'assessore Magatti chiede un aiuto all'Unione tramite la deputata Comi, lei oggi in visita alla struttura. Altrimenti costi alle stelle in particolare per la gestione dei minori.

Va in scena un nuovo scontro in queste ore a Como su come gestire l’emergenza profughi. L’occasione è l’arrivo a Como – in visita alla zona di San Rocco per i migranti – dell’europarlamentare Lara Comi di Forza Italia. E così alla struttura arriva anche l’assessore ai servizi sociali del Comune di Como, Bruno Magatti, che durante l’incontro con la deputata europea chiede un aiuto per gestire l’emergenza dei minori in particolare. Costi elevati a carico delle casse del Comune.”Da soli non ce la possiamo fare più” dice Magatti uscendo dal centro.

Ma per un Magatti che chiede aiuto all’Europa – tramite la Comi – ecco anche le bordate della Lega Nord che proprio oggi è andata anche lei a San Rocco, ma a casa dei residenti. Per chiedere conto di timori e perplessità sulla presenza dei migranti fuori da casa. E lo scontro si riaccende violento tra le parti proprio mentre la struttura inizia ad entrare a regime dopo un primo periodo di rodaggio.

leggi anche
i migranti di Como da oggi all'ex Stecav per il pasto
Le immagini
Secondo giorno dei profughi all’ex Stecav: oltre 400 pasti distribuiti
commissario ue avramopoulos
Richiesta
Profughi: Forza Italia e la Comi chiamano a Como il Commissario Ue
migranti nella tendopoli san giovanni
Non si muovono
Il giorno del trasferimento. Ma i profughi non si muovono da San Giovanni
Migranti in coda per entrare a mangiare a San Rocco
La situazione
La metà dei profughi lascia la stazione in mattinata: tutti a San Rocco
stazione e giardini di como san giovanni senza più i migranti
Ieri ed oggi....
Como, tre mesi con i profughi: i due volti di stazione e giardini
presidio lega nord fuori da cgil contro migranti
Botta e risposta
Profughi a Como, scontro tra Lega Nord e Cgil: presidio e accuse
commenta