La novità

Il pugile dell’Isis e la moglie a processo in Tribunale a Como da gennaio

Il Gip di Milano decide per la competenza territoriale del Lario per i quattro presunti jihadisti arrestati a febbraio: stavano progettando attentati in Italia. In aula fra 4 mesi

Sarà processato davanti alla Corte d’Assise di Como a gennaio il cosiddetto “pugile dell’Isis” Abderrhaim Moutaharrik, il cittadino marocchino arrestato con la moglie a Lecco cinque mesi fa con l’accusa di essere affiliato al Califfato Islamico e di star progettando attentati in Italia e in Vaticano.

Oggi il Gip di Milano, Manuela Cannavale, ha accolto la richiesta di processo immediato presentata dal procuratore aggiunto Maurizio Romanelli e dal pm Enrico Pavone, mandando direttamente a dibattimento – senza passare dall’udienza preliminare – il campione di thai boxe, sua moglie Salma Bencharrki, e altre due marocchini, Abderrhmane Khachia e Wafa Koraichi, arrestati il 28 aprile scorso con l’accusa di terrorismo internazionale.

Secondo il giudice milanese, spetta alla Corte d’Assise di Como, e non a quella di Milano, la competenza territoriale perché è a Lecco che operava la presunta cellula lombarda dell’Isis. Per i quattro presunti jihadisti il processo prenderà il via il 23 gennaio prossimo in Corte d’Assise a Como: qui, infatti, si sono svolti anche i processi per i più gravi fatti di sangue avvenuti negli anni scorsi nel lecchese.

Più informazioni
leggi anche
strage di nizza
Orrore
Camion sulla folla, strage Isis a Nizza: paura per i comaschi in vacanza
strage di nizza
Tremendo
L’Isis rivendica l’attacco di Nizza: ancora 31 italiani da rintracciare
commenta