Quantcast
Migranti in dogana: flusso ormai triplicato e forze dell'ordine al collasso - CiaoComo
Allarme

Migranti in dogana: flusso ormai triplicato e forze dell’ordine al collasso

L'assessore alla sicurezza Bordonali oggi in dogana a Ponte Chiasso:"Fallimentare la politica del Governo, migliaia che bivaccano: sono clandestini". Presenti anche Molteni e la Locatelli

“Le fallimentari politiche del Governo Renzi si stanno riversando tutte sul territorio lombardo. Chiediamo al Governo di sospendere ogni invio di richiedenti asilo nella nostra regione. Oltre ai 19.600 immigrati registrati nei centri di accoglienza lombardi ci sono altre migliaia di persone che non fanno richiesta d’asilo e bivaccano nelle stazioni di Como e Milano”. È questa la richiesta che ha fatto l’assessore regionale alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Simona Bordonali, al termine del sopralluogo di oggi alla dogana fra Como e Chiasso, effettuato questo pomeriggio con l’onorevole Nicola Molteni e la segretaria della Lega Nord di Como, Alessandra Locatelli.

IN UN MESE OLTRE 2.000 PASSAGGI – L’assessore ha anche reso noti alcuni numeri circa gli immigrati che, solo nell’ultimo mese, sono stati respinti al confine con la Svizzera. “Oggi – ha detto – sono 2.000, ma nelle prossime settimane i numeri sono destinati ad aumentare”. Bordonali ha anche precisato che nessuno di loro può essere definito profugo, “tant’è che non sono arrivate richieste di protezione internazionale. Dunque sono clandestini a tutti gli effetti che esulano anche dai dati ufficiali sui richiedenti asilo”.

PROBLEMATICA ANCHE LA SITUAZIONE DELLE FORZE DELL’ORDINE – Il sopralluogo odierno aveva però anche un altro obiettivo.”Abbiamo voluto manifestare – ha spiegato Bordonali – il nostro sostegno e la nostra vicinanza alle Forze dell’ordine che presidiano instancabilmente questa situazione pur trovandosi in condizioni difficili. Il personale a disposizione non è sufficiente, come pure le strutture che li accolgono a maggior ragione in vista dell’arrivo della stagione più fredda”.

“Flussi di stranieri triplicati da maggio ad oggi, necessario aumentare il numero di forze dell’ordine che presidiano il confine con la Svizzera”, così il parlamentare Nicola Molteni, lui pure presente alla visita di oggi. La segretaria cittadina della Lega, Alessandra Locatelli, spiega e precisa:Oggi abbiamo verificato di persona la mole di lavoro che le nostre forze dell’ordine devono sopportare ogni giorno. Lavoro triplicato, risorse non più sufficienti. Partono pullman per riportare clandestini a Taranto (nella foto sopra un momento della partenza) e loro da lì scappano subito e tornano qui. Sono molto preoccupata per le sorti di Como. La scelta poi del Prefetto di metterli nel quartiere di San Rocco peggiora il rischio sicurezza”.

leggi anche
mario-lucini-como
Appello
Migranti a San Giovanni, Lucini chiede aiuto al Governo:”Qui situazione seria”
migranti a como in stazione
Allarme
Migranti, da lunedì arrivano i medici per le visite: e loro sono sempre di più…
migranti como nuove foto
La svolta
Emergenza migranti: ora il Ministero ci manda i container. Ma in che posto ?
migranti a como in stazione
I protagonisti
I migranti restano al loro posto: sguardi interrogativi ed abiti stesi
conferenza stampa prefettura como per migranti
La svolta
Il Prefetto: via il campo profughi dalla stazione, migranti vicino al cimitero
emergenza profughi a Como,
Non li vogliamo....
Profughi a San Rocco, via ai lavori. Ma i residenti non gradiscono…
450 pasti anche oggi per i migranti a como
Un dramma
Profughi bambini alla frontiera: provano a passare più volte al giorno!
frontiera chiasso migranti
La storia
Alì respinto ancora dalla Svizzera:”Lì mi aspettano i miei due fratelli…”
polizia in frontiera a chiasso
Accuse e sconcerto
La storia di Karim:”Umiliato e senza acqua dopo il fermo a Chiasso”
tendone cri per profughi a como
La novità
Pasti ai migranti: da oggi la distribuzione Caritas all’ex Stecav
i migranti di Como da oggi all'ex Stecav per il pasto
Le immagini
Secondo giorno dei profughi all’ex Stecav: oltre 400 pasti distribuiti
don roberto bernasconi caritas
Intervista
Il direttore Caritas:”Non so dove andremo a finire, emergenza senza fine”
tende migranti stazione como
L'emergenza
San Giovanni: i migranti sono di meno, nel pomeriggio malore per un giovane
commenta