Quantcast
Al riparo

Già pronto il tendone della Cri per proteggere i profughi dalla pioggia

La struttura sorge al fianco della sede della Polizia locale di Como. Può dare ospitalità per la notte e il brutto tempo, saranno utilizzati i bagni vicini.

Preparato in serata, già montato e da utilizzare. La Cri di Como, d’intesa con Comune e Prefettura, ha deciso di montare un mega-tendone nello spazio ex Stecav di viale Innocenzo a Como – nel parcheggio di fianco alla sede della polizia locale – per poter proteggere i profughi arrivati a Como dalle intemperie. La decisione presa dopo il summit di ieri in Prefettura tra forze dell’ordine e rappresentati delle associazioni di volontariato. Saranno utilizzati i servizi igienici della ex Stecav già esistenti

tendone cri per profughi a como

I migranti dunque, già da stasera possono venire qui per la notte o in caso di brutto tempo. In serata si presentava così la zona dei giardini, diventata in questi giorni un vero e proprio campo-profughi a cielo aperto. Stamane la forte pioggia ha costretto gli oltre 150 presenti a cercare rifugio in stazione.

tendone cri per profughi a como

I COMPITI DELLE ISTITUZIONI

Il Comune di Como assicurerà il coordinamento generale delle azioni e degli specifici servizi che verranno assicurati dai diversi enti, organismi ed associazioni interessati; il Comitato provinciale della Croce Rossa Italiana fungerà da unico punto di riferimento per gli aspetti igienico-sanitari, gestendo il coordinamento delle relative azioni ed assicurando la presenza di un presidio mobile sanitario, nonché l’installazione di moduli di servizi igienici in prossimità della stazione, d’intesa con il Comune di Como e Centostazioni; la Caritas Diocesana coordinerà le attività relative alla preparazione e alla fruizione dei pasti, attraverso le mense già presenti sul territorio e la Rete dei servizi per la grave marginalità; la Caritas Diocesana coordinerà, altresì, la regolare fruizione delle docce presenti negli spazi messi a disposizione dal Collegio Gallio (docce e bagni saranno disponibili da domani, 23 luglio), nonché la distribuzione del vestiario, della biancheria e di altri generi di prima necessità raccolti dalla Croce Rossa Italiana. Quanto, infine, alla raccolta di generi di prima necessità, promossa nei giorni scorsi, si ha bisogno di viveri a lunga conservazione come tonno in scatola, legumi e verdure in scatola, crackers, succhi monodose, acqua 50cc, coperte, scarpe e biancheria intima nuova, accappatoi e salviettoni. Non serve vestiario generico

leggi anche
emergenza profughi alla stazione di Como San Giovanni
Il dramma
Emergenza profughi in stazione a Como tra coperte, scatolette e sorrisi
profughi stazione como san giovanni
A muso duro
Profughi, la Lega chiede lo sgombero al Prefetto:”Situazione non controllabile”
emergenza profughi alla stazione di Como San Giovanni
Via da como
Quaranta profughi trasferiti in pullman a Taranto in queste ore
Tra i profughi alla stazione di Como
Le immagini
Il campo profughi di San Giovanni: la giovane mamma, la culla ed i rifiuti
Tra i profughi alla stazione di Como
Emergenza
Profughi in stazione, si muove anche la Regione: controlli per la sicurezza
migranti como in stazione per pioggia
Che guaio...
E la pioggia fa scappare i profughi dai giardini: si riparano in stazione
concerto solidale stazione
La festa
Musica per i profughi, tanti artisti comaschi a suonare in stazione
esercitazione odescalchi 2016 como
La visita
Profughi in stazione, venerdì arriva l’assessore alla sicurezza Bordonali
assessore bordonali tra i profughi di como
La denuncia
Il segretario Locatelli:”Qui degrado totale, sindaco e Prefetto fermi”
tendone cri per profughi a como
Accuse reciproche
Emergenza profughi a Como: nuovo scontro tra Caritas e Lega Nord
stazione e profughi como
Emergenza
Profughi a Como, il numero aumenta ancora:”Una stazione irriconoscibile”
commenta