Quantcast
La paura

Dopo la strage: ora più controlli anche alla frontiera e in stazione

Più controlli, più uomini a verificare il flusso di persone in frontiera e in stazione. Anche se con il passare delle ore sembra prendere corpo l’ipotesi di un gesto idolato e non dell’Isis come ipotizzato in un primo momento. Fatto sta che anche nel comasco – zona di frontiera come Ventimiglia – da oggi le verifiche sono maggiori per evitare rischi di altri attacchi come quello di ieri a Nizza. Lo ha confermato anche il Ministro Alfano che subito ha presieduto una riunione operativa.

Obiettivi sensibili, nel nostro territorio, la zona di frontiera e la stazione di san Giovanni. Poi anche la zona del Duomo in centro città come luogo di culto da presiediare. Misure di prevenzione che sono state adottate già in occasione degli altri attacchi terroristici in Francia, quello del Bataclan a novembre in particolar modo. Alfano ha assicurato che sono operativi in queste ore anche speciali reparti di carabinieri e polizia per arginare possibili attacchi in tutto il paese.

leggi anche
strage di nizza
Orrore
Camion sulla folla, strage Isis a Nizza: paura per i comaschi in vacanza
nizza strage camion
Paura e morte
Ragazza comasca ad un passo dalla strage: salva. Morta una ticinese
strage dacca rientro salme
Il lutto
Rientrate le salme della strage di Dacca: il dolore del presidente Mattarella
funerali vittime dacca
Il dolore
Strage di Dacca: funerali di stato, verso casa la manager dell’Artsana
colpo di stato in turchia
Altra paura
Un nuovo incubo, colpo di stato in Turchia:”Comaschi, non partite…”
strage di nizza
Tremendo
L’Isis rivendica l’attacco di Nizza: ancora 31 italiani da rintracciare
frontiera chiasso migranti
La storia
Alì respinto ancora dalla Svizzera:”Lì mi aspettano i miei due fratelli…”
commenta