Bancarotta, Bruni davanti al giudice in carcere. Ma spuntano altri problemi…

Stefano Bruni va davanti al giudice delle indagini preliminari di Milano che ha firmato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere a suo carico. Il faccia  afaccia tra l’ex sindaco di Como e il giudice è in programma per domani: molto importate questo interrogatrio perchè Bruni potrà chiarire la sua posizione e le conestazioni di bancarotta che la Procura di Milano e la Finanza di Lecco contesta lui.

Bruni sarà assistito dal suolegalr Giuseppe Sassi che in questo fine settimana si è molto concentrato sulla difesa e sull’interrogatorio. Da capire la linea che l’ex sindaco sceglierà anche se appare probabile quella delle risposte al Gip. Troppo complesso e grave il quadro accusatorio per decidere di non rispondere.

Ma mentre il legale di Bruni si appresta ad andare a San Vittore, ecco che spuntano altri guai per l’ex primo cttadino di Frza Italia di Como. La Procura di Como sta indagando sul suo conto e su quello del Patron del Lecco calcio, Daniele Bizzozero – anche lui arrestato per bancarotta – sulla compravendita di auto con la Concessionaria Serratore. Circa 300.000 euro di valore delle vetture ritirate, ma mai pagate effettivamente. Al cetro delle contestazioni, ancora una volta, i bond di JP Morgan che secondo l’accusa sarebbero stati usati allegramente da Bruni e Bizzozero, ma che in realtà avevavo valore pari a zero.