CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

“I ragazzi di don Zeno” approdano al Teatro Sociale

Più informazioni su

Secondo giorno, oggi, per la storia di Nomadelfia al teatro sociale. Dopo il primo spettacolo andato in scena ieri pomeriggio infatti si replica questa mattina alle10.00 e questa sera alle 20.30. “Iragazzi di don Zeno” è una commedia musicale frutto di un laboratorio teatrale tenuto all’interno della comunità di Nomadelfia, che ha coinvolto giovani, bambini a partire dalla prima media. I ragazzi di don Zeno, appunto, che di volta in volta raccontano in prima persona, evocano o drammatizzano la storia avventurosa del fondatore di Nomadelfia e della comunità, dagli inizi ad oggi, attraverso quasi un secolo di storia. Il messaggio di Nomadelfia, che non è altro che il tentativo di mettere in pratica il Vangelo, è sempre vivo. Nasce così l’idea di una commedia musicale dove a raccontare la vita di don Zeno sono i suoi ragazzi di oggi. La storia prende le mosse da quando Zeno, giovane dell’Azione Cattolica, si fa carico di un piccolo gruppo di ragazzetti abbandonati che entrano ed escono dal carcere come Danilo, un giovane di 19 anni appena uscito dal carcere, primo di 5000 figli. Nello spettacolo, lacui regia è affidata a Anna >cianca su un idea di francade Angelis, s’intrecciano le tante voci dei primi figli strappati dal riformatorio negli anni ’20, delle prime “mamme di vocazione” negli anni ’40, delle vittime della guerra, delle prime coppie di sposi negli anni ’50, e così via fino ad arrivare ai figli di oggi, gli stessi attori della commedia. “I ragazzi di don Zeno”, mescolando varie forme di teatro popolare, dalla commedia dell’arte alla moderna commedia musicale, e ispirandosi soprattutto alle intuizioni del teatro epico brechtiano, concilia divertimento e riflessione e di essere spettacolo di popolo per il popolo. Il musical non racconta storia completa di don Zeno ma ripercorre teatralmente momenti importanti e significativi della sua vita fino ad arrivare ai giorni nostri. L’ingresso è libero ma è obbligatoria la prenotazione.

Qui un assaggio del musical

[su_youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=m1bmVsqnh4I”]

 

Più informazioni su