CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Marijuana dall’Albania, tre arresti nell’erbese (FOTO E VIDEO)

Una struttura criminale che riusciva ad importare centinaia di chilogrammi di marijuana dall’Albania al Nord Italia e che era distribuita a vari spacciatori anche nel comasco. Questa mattina la squadra mobile di Como ha eseguito sei ordinanze di custodia cautelare nell’ambito dell’indagine “Lazarat”, grazie anche alla collaborazione delle questure di Reggio Emilia, Modena, Lecco e Genova.

L’indagine, che prende il nome da una vera e propria “capitale” della cannabis a 240 chilometri da Tirana, è il proseguimento di un’indagine denominata “Blackout” che aveva precedentemente portato a due arresti e dieci persone denunciate. In questa nuova parte dell’indagine sono 11 gli indagati e di questi 9 colpite da ordinanza di custodia cautelare. Oltre ai 6 arresti di oggi sono in corso le indagini per rintracciare altri tre indagati.

Per quanto riguarda il nostro territorio l’associazione criminale aveva sede nell’erbese, dove sono state arrestate tre persone e tra queste una collaboratrice domestica (Rika Sphresa) che da quanto è emerso dalle indagini, oltre a fare le pulizie, era l’intermediaria per la banda di trafficanti.

Le sostanze stupefacenti – principalmente marijuana, ma anche cocaina – partivano dall’Albania e arrivavano del Nord Italia su alcuni furgoni (generalmente vecchi furgoni a nove posti). La droga era nascosta in un doppio fondo e l’apertura avveniva attraverso un meccanismo particolare conosciuto solo dal fornitore in Albania e dal corriere che aveva l’ordine di aprirlo solo dopo aver ricevuto i soldi dall’acquirente. Attraverso un capillare e consolidato sistema di corrieri, i quali effettuavano continui viaggi (anche tre a settimana) arrivavano in Italia centinaia di chilogrammi di droga.

Tra i sequestri più ingenti e che hanno consentito di individuare il gruppo criminale quello del 24 dicembre 2014, quando nel doppio fondo dell’automobile con targa albanese di uno degli indagati, erano stati trovati 66 chili di marijuana. Il 6 marzo del 2014, sempre nell’erbese, sempre in un veicolo con doppio fondo gli agenti avevano trovato 37 chili di stupefacente. Al termine delle indagini erano stati sequestrati 178 chili marijuana.

Contestualmente all’esecuzione delle ordinanze sono state eseguite perquisizioni personali e locali che in un caso hanno dato esito positivo in quanto hanno consentito di rinvenire e sequestrare circa 800 gr. di cocaina e denaro contante.

IMG_5766