CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Si presenta dalla ex compagna e picchia la suocera: ARRESTATO

Una violenta lite finita con l’arresto di un uomo. Una domenica movimentata ieri in un condomino della città. Erano le 13 circa quando è arrivata la segnalazione alla polizia. Giunti sul posto gli agenti sono stati informati di quanto accaduto poco prima, quando un ragazzo urlando e farneticando, era salito sul tettuccio di un’auto saltandoci sopra ripetutamente  e danneggiandola.

L’uomo, un 22enne ghanese, è stato ritrovato nel cortile interno del palazzo seduto su una panchina, seminudo, attorniato da alcuni ragazzi che tentavano di riportarlo alla calma. L’uomo, in palese stato di agitazione psico-motoria, farfugliava frasi senza senso e presentava un taglio sull’arcata sopraccigliare, per questo si è reso necessario l’intervento degli operatori del 118 chiamati ad intervenire dagli agenti.

Mentre il personale medico si occupava dell’uomo, gli agenti sono stati informati che si trattava dell’ex compagno di una donna in casa della madre, con la quale aveva avuto una bambina. La madre della ragazza ha raccontato che l’ex genero non aveva mai partecipato attivamente alla vita della propria bambina, non avendola neppure riconosciuta, e che i problemi tra i due, fin dall’inizio, avevano creato gravi ripercussioni tanto da portarli a lasciarsi.

Il ghanese. giunto nei pressi del condominio qualche ora prima, aveva iniziato ad urlare chiedendo di vedere la figlia. Quando la ex suocera era scesa per ascoltare quanto avesse da dire aveva subito aggressione. L’ex genero l’aveva strattonata e spinta con violenza, tanto che la stessa aveva cercato, invano, rifugio nell’androne del palazzo chiudendo la porta che l’aggressore aveva riaperto con un calcio. Raggiunta la donna l’aveva spina violentemente contro la porta dell’ascensore provocandole un trauma distorsivo del rachide cervicale. Dopo vari tentativi la donna era riuscita, finalmente, a divincolarsi ed a sottrarsi dalla furia dell’uomo.

L’uomo, con numerosi precedenti penali, è stato arrestato per lesioni aggravate e denunciato per danneggiamento. Accompagnata in ospedale, la donna è stata dimessa dimessa con prognosi di 21 giorni.