CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

La ritirata di Russia in un’ode contro la guerra. Giovedì al Liceo Volta

Più informazioni su

Giovedì 15 gennaio alle 14.30 appuntamento con la memoria per raccontare il dramma degli Alpini nella II Guerra Mondiale in Grand’Aula del Liceo Volta a Como. La ritirata di Russia in uno spettacolo teatral-musicale nato dalla collaborazione tra lo scrittore Roberto Curatolo e il cantautore Massimo Priviero che è un’ode contro la guerra.

“Dall’Adige al Don”, partendo dall’evento storico della ritirata di Russia, vuole lanciare un potente e accorato grido contro ogni guerra. Le canzoni di Priviero e i racconti di Curatolo si fondono e si completano per testimoniare una pagina tra le più tragiche della storia d’Italia e d’Europa, la guerra di Russia. Un lavoro coraggioso ed affascinante, un modo nuovo di avvicinare letteratura e musica, unite in una simbiosi che vede lo scrittore e il cantautore alternarsi in un’operazione di suggestiva memoria che vuol essere un omaggio a quegli umili soldati italiani – quelli che rimasero sui campi di battaglia, i tanti dei quali si perse ogni traccia e i pochi che tornarono, spesso ridotti a rottami fisici e sociali – ma anche un’ode contro tutte le guerre e le follie che le hanno generate.

Un connubio musical-letterario che, tramite un viaggio nella memoria, si propone di presentare gli orrori della guerra attraverso le piccole storie – narrate e cantate – di quei soldati contadini, consapevolmente mandati al massacro. Senza dimenticare, anzi sottolineandole, le storie spesso trascurate delle donne, madri e giovani mogli di quegli alpini, per le quali la “guerra” continuò drammaticamente anche nei lunghi anni successivi alla perdita dei loro cari.

[su_youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=0jyC-WI6h-8″]

 

DALL’ADIGE AL DON

Ode contro la guerra

Il canto e il racconto della memoria. Il dramma degli alpini nella guerra di Russia.

Testi di Roberto Curatolo e canzoni di Massimo Priviero

giovedì 15 gennaio alle 14.30

Chitarra e voce: Massimo Priviero

Voci recitanti: Roberto Curatolo e Federica Toti

Tastiere e fisarmonica: Riccardo Maccabruni

Chitarre e mandolino: Alex Cambise

 Direzione artistica: Giovanni Zuretti

Grand’Aula del Liceo Volta a Como

ingresso libero

ROBERTO CURATOLO è nato a Verona, ma vive e lavora a Milano. Medico del lavoro, presta attività di consulenza sanitaria presso alcune importanti aziende del Nord Italia.

È esponente di rilievo dell’AMSI (Associazione Italiana Medici Scrittori).

Allievo di Giuseppe Pontiggia, ha frequentato i corsi di scrittura e di sperimentazione sulla prosa da lui tenuti.

Molti suoi racconti sono stati pubblicati su riviste letterarie e antologie.

Nel 2001 ha pubblicato con Manni Editore il romanzo “Ai margini dell’ombra”, recensito molto favorevolmente da numerosi quotidiani e riviste, da scrittori come Giuseppe Pontiggia e Antonio Prete, da critici letterari come Vincenzo Guarracino, Felice Accame, Nicola Signorile, Giuseppe Marchetti e altri.

Il romanzo è stato presentato con successo in Italia e all’estero (Amsterdam e Praga) ed è stato tradotto in armeno con il titolo “Stveri yezrerin”

Nel 2006 ha pubblicato, sempre presso Manni Editore, la raccolta di racconti “Lampi di buio”, che ha riscosso ampi consensi da parte della critica e dei lettori.

Nel 2008 ha scritto la commedia “Diario di una timida spregiudicata”.

È in fase di pubblicazione il suo ultimo lavoro, “Vite in chiaroscuro”.

Ha conseguito, in ambito narrativo, oltre novanta premi letterari.

MASSIMO PRIVIERO

Musicista, veneziano di origine e milanese d’adozione, autore di dodici album in circa vent’anni di carriera. Alcuni suoi dischi sono stati pubblicati in vari paesi europei e sono comparsi nelle speciali classifiche di vendita. Il tratto che da sempre lo contraddistingue è il felice incontro tra un impianto musicale rock ed energico ed una costante ricerca poetica. La sua voce è considerata da alcuni critici come una delle migliori e più emozionanti del rock d’autore italiano. Può vantare oltre agli album realizzati, numerosi tour e prestigiose collaborazioni con artisti internazionali. Negli ultimi anni ha caratterizzato ancor di più la sua scrittura su un versante “lirico” con particolare attenzione a certa memoria e a certa storia del nostro paese. E’ tra l’altro laureato in storia contemporanea.

Più informazioni su