CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Cna Como, 2014 difficile:”Cosa serve per ripartire” (LA RELAZIONE)

Cna Como, 2014 difficile – Un anno difficile che sta per chiudersi. Anche per la Cna di Como la situazione e’ delicata e complicata. Eppure, nonostante la crisi, gli associati lariani cercano di restare aggrappati alla speranza. Questa la relazione di fine 2014 del presidente Enrico Benati.

benati cna como

Eh già, sembrava la fine del mondo ma siamo ancora qua”. Con questa frase tratta da una canzone di Vasco Rossi ha preso il via l’assemblea annuale 2014 di Cna che si è tenuta a Mirandola, uno dei comuni pesantemente colpiti dal terremoto. La metafora della fine del mondo in questo caso si riferiva all’evento sismico ma può essere utilizzata anche per indicare questo periodo storico di forte crisi in cui le certezze degli imprenditori sono crollate e sembra non esserci una via di fuga.
Però come dice Vasco siamo ancora qua. E continuiamo a lavorare. Qualche timido segnale di ripresa si intravvede e c’è anche chi dice che il 2015 ci riserva un inizio di ripresa.
Ma per riprendere veramente occorrono poche cose, fondamentali: riuscire a creare posti di lavoro ed assorbire i danni che questa crisi ha prodotto sull’occupazione e ridurre il carico fiscale, premiando le imprese che investono e resistono. Questa seconda azione, però deve essere reale, non solo di facciata. Non deve essere la solita coperta corta che tiri da una parte o dall’altra e una delle due rimane sempre al freddo. La riduzione del costo del lavoro e della tassazione deve essere reale.

Ad esempio il credito di imposta del 10% ai fini Irap concesso alle imprese senza dipendenti non ci convince, ci aspettiamo un più significativo taglio dell’Irap. Inoltre, la scelta di recuperare le risorse attraverso la riduzione della platea dei soggetti ammessi al nuovo “regime forfettario”, riduce ulteriormente i pochi benefici concessi. Se vogliamo portare, invece, un esempio negativo è lampante quello della tassazione locale degli immobili produttivi salita a 4 miliardi e 900 milioni in soli 36 mesi!!! Questo sarebbe un provvedimento per rilanciare l’economia?
Non possiamo negare che quest’anno sia stato difficile ma, nonostante tutto, non possiamo non guardare al futuro con un po’ di fiducia. Quest’ano per l’economia locale è stato molto importante in quanto si è concluso l’iter di rinnovo degli organismi camerali. La Giunta che è stata nominata è equilibrata e rappresenta tutti i settori presenti sul territorio ed è nata all’insegna del fare squadra e della collaborazione.

Proprio in termini di rappresentanza, esprimo una preoccupazione nella mancata condivisione sul territorio dei valori contenuti nell’alleanza di Rete Imprese Italia. Crediamo in questa coalizione che ci vedrà ai vertici per i prossimi mesi, crediamo nella forza della rappresentanza condivisa e auspichiamo che anche a Como si possa arrivare a dar voce comune ai piccoli imprenditori per dialogare compatti con le altre organizzazioni di categoria degli industriali e dei lavoratori.
Abbiamo una bandiera comune sotto la cui egida ci sono obiettivi concreti e importanti, sventoliamola tutti insieme e facciamone un vessillo condiviso, questo è il messaggio che lanciamo per il 2015.

Il Presidente Cna Como
Enrico Benati