CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

A Sant’Abbondio il 9 dicembre la “Musica dei Papi

A Sant’Abbondio il 9 dicembre un concerto nato dal connubio tra privato e pubblico con l’intento di sviluppare una proposta culturale. L’evento, infatti, è organizzato dalla Associazione Margherita Ripamonti di Como, che con questo omaggio alla musica antica eseguita  in un luogo architettonicamente importantissimo vuol ricordare il motivo della sua fondazione, e dalla associazione Accademia dei piaceri campestri di Varese (all’interno della cui rassegna “Suoni d’autunno” si inserisce come evento speciale) in collaborazione con il Dipartimento di Diritto, Economia e Culture dell’Università degli Studi dell’Insubria e con la Rettoria di Sant’Abbondio.

Il concerto ha il patrocinio del Comune di Como, e, in quanto inserito nel programma autunnale della associazione organizzatrice di Varese, del  Comune di Varese, della Provincia di Varese, dell’Agenzia del Turismo di Varese,  di Confagricoltura di Varese, con il sostegno della Fondazione Comunitaria del Varesotto.

como sant'abbondio

Nella cornice della basilica romanica di Sant’Abbondio  l’ensemble Biscantores porterà a scoprire la Missa Papae Marcelli (1562-63?), paradigmatico esempio del contenuto innovativo e rivoluzionario della polifonia del compositore G. P. da Palestrina sempre improntata al rispetto della continuità col passato.

Siamo ai tempi del concilio di Trento e, mentre si afferma il successo di Lutero, per il quale la musica costituisce la più alta delle arti e che vuole che in chiesa accanto a una cappella musicale addestrata cantino  tutti i fedeli, a Roma si critica il lassismo musicale del Quattrocento e si esige che il canto nelle chiese “illumini la parola sacra” senza oscurarla, quindi  torni a essere intelliggibile, dignitoso, non occasione di virtuosismi ma aderente alla funzione liturgica, a pena di non esservi più permesso… La Messa di Palestrina rappresenta allora il punto di equilibrio tra ardita polifonia e semplice monodia. Ad essa una leggenda  si riferisce come alla composizione che ha “salvato la musica polifonica sacra nelle chiese cattoliche” impedendone il bando! Leggenda bellissima, anche se ormai storicamente superata…

Non superato è il successo dello stile delle messe di Palestrina, sul quale si formarono allievi e successori diretti, portandolo ad affermazione in Europa, tanto che riceverà l’onore di un nome ad hoc, “lo stile antico”.

Il programma “La Musica dei Papi. La cappella Giulia e la cappella  Sistina nel  Rinascimento rappresenta un nuovo progetto per l’ensemble Biscantores,  e per il suo direttore, Luca Colombo, astro nascente nel condurre ensemble corali, allievo di un Maestro del calibro di Diego Fratelli e ispirato dal desiderio di eseguire un repertorio filologicamente più rispondente alla prassi esecutiva del tempo.

Il programma prevede, oltre all’esecuzione integrale della Missa Papae Marcelli  di Palestrina, una serie di mottetti di C. De Morales, F. Anerio, G. Frescobaldi, F. Soriano, G. P. Nanino e viene eseguito con l’accompagnamento di organo e viole da gamba.

L’Ensemble Biscantores si sta distinguendo vieppiù nel panorama corale che si dedica alla musica rinascimentale e barocca, ed è stato scelto come ensemble rappresentativo nella stagione patrocinata da The Harvard University Center for Italian Renaissance Studies .

L’ingresso al concerto è libero e gratuito

Prima del concerto, alle 19,30, un benvenuto offerto dalla Associazione Margherita Ripamonti nel criptoportico del Chiostro di S. Abbondio, aperto grazie alla collaborazione dell’Università degli Studi dell’Insubria

Per informazioni:

031 571311 –  348 8737560