CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Como per la Legalità: incontro con il procuratore antimafia Anna Canepa

Più informazioni su

Sarà il sostituto procuratore nazionale antimafia Anna Canepa ad intervenire all’incontro organizzato per il prossimo 9 dicembre alle 9, in occasione della Giornata della legalità. L’appuntamento, ospitato all’auditorium del Politecnico in via Castelnuovo 7, è stato organizzato in collaborazione con il Comune di Como dalla rete ‪generale del sistema pubblico di istruzione della Provincia di Como e dagli istituti scolastici Isis Paolo Carcano, IPSSCTS Pessina, ITIS Magistri Cumacini, IIS Da Vinci Ripamonti, Istituto di Storia Contemporanea “P.A. Perretta”, Associazione Memoria Condivisa.

iantorno in poche parole

 

Educazione alla legalità e azioni di contrasto nei confronti della criminalità sono gli argomenti che il sostituto procuratore tratterà nel corso dell’incontro. “I recenti fatti di cronaca sono la conferma di quanto sia necessario e urgente promuovere una cultura della legalità e della lotta ai fenomeni criminali – commenta l’assessore alla Legalità del Comune di Como Marcello Iantorno – La criminalità organizzata oggi è purtroppo un fenomeno che riguarda anche i nostri territori e a maggior ragione la nostra attenzione e impegno a sostegno e tutela della legalità devono essere massimi. Dobbiamo parlare innanzitutto ai giovani ma tutta la città deve essere coinvolta. Non possiamo continuare a far finta di nulla e dobbiamo essere pronti a reagire”.

AvvisoPubblico_logo

Il Comune di Como è l’unico ente della provincia ad aver aderito nei mesi scorsi ad “Avviso Pubblico. Enti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie”, un’associazione nata nel 1996 con l’intento di collegare e organizzare gli amministratori pubblici per promuovere la cultura della legalità democratica nell’azione della pubblica amministrazione sui territori di competenza. “Dobbiamo aumentare le occasioni di dibattito e valorizzare l’identità e la memoria di quanti hanno sacrificato la vita nel contrasto ai fenomeni criminali – prosegue Iantorno – E in questo dovremo essere tutti insieme, cittadini e amministrazioni”.

Più informazioni su