CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

I Tirlindana tornano con una domanda: “Che cosa vuoi da te?”. Alla Feltrinelli

Più informazioni su

“Che cosa vuoi da te?” La domanda esistenziale diventa disco in via Cesare Cantù. Introduce la serata il giornalista Maurizio Pratelli.

Tirlindana1

I Tirlindana nascono all’inizio degli anni ’90 intorno al cantante Andrea Solinas  e al chitarrista Bruno Tettamanti. La loro storia più che ventennale li colloca di diritto tra le band più longeve del comasco. L’ inizio fu incoraggiante con album e concerti di alto livello, poi un momento di amarezza verso la l’industria discografica li aveva indotti a prendersi una pausa e, comunque a passare all’ autoproduzione. Nel frattempo alcune cose sono cambiate, compresa la formazione della band che ora conta Andrea Solinas (voce-chitarra) e Simone Prina (basso) insieme sin dalle origini, ai quali si sono aggiunti Paolo Carnevali alla chitarra e di Francesco Farsoni alla batteria.
L’album “Che cosa vuoi da te?”  è nato nella sala prove realizzata nelle aule di una scuola elementare abbandonata in un borgo, Albogasio, in provincia di Como, abitato da 100 persone e affacciato sul lago.
Lontani da tutto, 4 romantici artigiani, perdutamente innamorati dell’odore di cantina e dei suoni valvolari, oltre che del Rock, si sono chiusi per un autunno, un inverno e una primavera a buttare giù idee, emozioni e pensieri e per uscirne con 12 canzoni nuove di zecca.
Ecco come i Tirlindana definiscono il loro nuovo lavoro:
“Disco di musica rock. Cantato in italiano”
“Disco diretto nell’arrangiamento, come la domanda che gli da il titolo”
“Disco di amore, di rabbia, di perdita di senso e di riscatto. Di dolore e di gioia”
“Disco di VITA realmente voluta. Urgente nel comunicare le emozioni che lo compongono, come la domanda che il titolo ti sbatte in faccia e che ognuno è tenuto a trovare per se stesso. Urgentemente. Subito”

 

Oggi alle 18 lo racconteranno alla Feltrinelli di Como. Gli amanti del rock non possono e non devono mancare.

Più informazioni su