CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Matteo Cairoli pigliatutto. Ora in Mobil 1 Supercup

Più informazioni su

Non poteva terminare in modo migliore la stagione di Matteo Cairoli nella Porsche Carrera Cup Italia. Con il titolo di Campione d’Italia già conquistato aritmeticamente a Imola il 12 ottobre, il giovane pilota comasco nell’ultima tornata della stagione sabato e domenica sull’Autodromo Nazionale di Monza ha legittimato il titolo vincendo gara 1 e classificandosi al secondo posto nella seconda gara di domenica.
Nonostante il titolo già in tasca  anche a Monza Matteo Cairoli è apparso subito determinato a voler mettere in riga i propri avversari, tanto da conquistare in extremis una strepitosa pole position al sabato. In gara, poi, il pilota comasco ha mantenuto la vetta per tutti i 16 giri disputati, rintuzzando gli attacchi degli avversari. Nella seconda manche, complice l’inversione come da regolamento delle prime sei posizioni sulla griglia, si è da subito assistito ad un’emozionante bagarre per le posizioni di vertice. Cairoli per un pelo non è riuscito a fare l’ en plein..
Un degno finale per una stagione ricca di emozioni, la prima per Matteo Cairoli che, con la vittoria del titolo, è il più giovane pilota ad aggiudicarsi il campionato Porche Carrera Cup.
carreracupitalia2014_cairoli_campione
Un driver di grandi prospettive come Matteo non poteva passare inosservato e, infatti, ieri ha saputo che è stato scelto da Porsche AG per correre nella Mobil 1 Supercup, competizione che si svolge in concomitanza con i GP di Formula Uno sui più prestigiosi circuiti del mondo: “E’ una soddisfazione incredibile – ha detto iMatteo Cairoli – che completa una stagione indimenticabile. Ora mi concederò qualche giorno di vacanza, ma poi comincerò a lavorare per essere pronto l’anno prossimo all’impegno che mi verrà chiesto. Ringrazio Porsche Italia per avermi seguito con lo Scholarship Programme, il team Antonelli che mi ha sempre supportato e la mia famiglia che continua a credere in me. Credo ai aver aperto un cammino che altri giovani piloti italiani dopo di me potranno seguire”.

Più informazioni su