Cronaca

Disabili sui bus, il Comune di Como richiama Asf

disabile a fermata bus

Disabili sui bus – Rispettare e garantire il diritto delle persone disabili al libero spostamento, predisporre la pubblicazione di orari con l’indicazione di quali corse non sono attrezzate al trasporto, dare la possibilità all’utente di riconoscere i bus che sono attrezzati, abbandonare il sistema della prenotazione dei viaggi. Questo il contenuto della lettera approvata, all’unanimità, dalla giunta di Palazzo Cernezzi e indirizzata ad Asf, l’azienda che gestisce il servizio di trasporto pubblico locale. “Riteniamo doveroso un richiamo ad una maggiore attenzione sui diritti dei disabili – spiegano l’assessore alle Politiche Sociali Bruno Magatti e l’assessore alla Pianificazione urbanistica Lorenzo Spallino – In particolare dovrebbe essere abbandonato l’odioso sistema della prenotazione del viaggio”. “I vincoli legati alla proroga del contratto stipulato a suo tempo non ci consentono grossi cambiamenti – commenta l’assessore alla Mobilità Daniela Gerosa – Certamente, però, un ulteriore richiamo e un invito ad Asf a dimostrare una maggiore sensibilità sono doverosi”. L’indirizzo assunto dalla giunta segue i confronti che si sono tenuti nei mesi scorsi nell’ambito dei lavori della Consulta delle associazioni dei disabili, presieduta dall’assessore Bruno Magatti. “Sono contento che la giunta abbia accompagnato questa richiesta – conclude Magatti – Da tempo, infatti, sto cercando di promuovere, nelle loro diverse forme, i diritti di cittadinanza delle persone disabili”.

Nei mesi scorsi proprio a CiaoComo Eva Sganzerla, una ragazza disabile di Albate, aveva raccontato la sua odissea quotidiana per poter salire a bordo dei pullman. Ecco il suo racconto

 

[su_youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=jh4vklsA-JU” height=”340″ responsive=”no”]http://youtu.be/i5DXgDQQ32w[/su_youtube]

commenta