CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

E Maroni azzera i vertici di “Infrastrutture”

Più informazioni su

Il presidente della Regione non perde tempo dopo lo scandalo che ha investito la società con l’arresto dell’ex direttore generale e del responsabile dell’ufficio gare. Per settimana prossima nuove figure professionali. Tra gli indagati anche la figlia dell’ex senatore lariano Aliverti.

 

 

Tutto azzerato. La Regione Lombardia, con il suo nuovo presidente Roberto Maroni, ha già deciso di intervenire in modo drastico sui vertici di Infrastrutture Lombarde, la società diretta emanazione del Pirellone finita in questi giorni al centro della bufera giudiziaria con l’arresto dell’ex direttore generale Antonio Rognoni, e del responsabile (comasco) dell’ufficio gare della società, il 45enne avvocato Pier Paolo Perez residente in centro città. I due sono tuttora in carcere e così Maroni ha annunciato per lunedì nuove figure professionali ai loro posti. “Nessuna interruzione, da settimana prossima ci saranno nuovi responsabili”, assicura il governatore lombardo. Nel frattempo c’è attesa per l’interrogatorio di Rognoni e Perez: saranno ascoltati dal Gip che ha firmato la loro custodia cautelare la prossima settimana. Per la procura di Milano nella vicenda ci sarebbero coinvolti anche i vertici della Regione della precedente legislatura, con l’ex presidente Formigoni che ribatte secco:”Ennesima inchiesta, staremo a vedere”. Per i magistrati, però, Formigoni e alcuni suoi collaboratori non potevano non sapere di come avvenivano gli appalti di “Infrastrutture”.

L’inchiesta della Procura di Milano cerca di far luce su profitti ritenuti illeciti che sarebbero stati ottenuti dagli stessi professionisti per incarichi vari per conto di “Infrastrutture”. E oltre ai due finiti in cella, tra gli indagati anche l’avvocato di Como Francesca Aliverti, 40 anni con studio in città e anche a Milano, figlia dell’ex senatore lariano Gianfranco. E’ accusata di turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, truffa e di falso.

Più informazioni su