CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Presi i rapinatori della Golf verde: in cella

Più informazioni su

altI carabinieri di Lomazzo chiudono il cerchio dopo alcune denunce presentate nei mesi scorsi da persone aggredite e derubate mentre transitavano da sole in auto in zona boschiva tra Cirimido e Caslino al Piano. Al Bassone due 40enni di Legnano con il vizio del gioco patologico: ECCO I LORO VOLTI

 

 

 

 

Tra dicembre 2013 e febbraio 2014 due persone a bordo di una Volkswagen Golf di colore verde scuro hanno seminato il panico tra Caslino al Piano e Cirimido, nelle zone boschive. I due, infatti, a bordo della Golf, attendevano il passaggio di persone sole alla guida delle loro autovetture che transitavano nelle stradine dei boschi di quelle zone. Dopo essersi avvicinati ai solitari autisti, i due bloccavano le macchine, scendevano dai mezzi e li rapinavano di quanto avevano in tasca, portando via anche i bancomat e le carte di credito. Tre, fino ad ora, sono state le denunce raccolte dai Carabinieri della Stazione di Lomazzo, i quali hanno verificato che tra il 28 dicembre 2013 ed il 27 febbraio scorso i due “rapinatori della Golf verde” hanno effettivamente utilizzato i bancomat e le carte dei malcapitati rapinati con un danno complessivo di 2.500 euro, soldi spesi al Bingo di Legnano.

I due rapinatori, infatti, sono proprio residenti nel Comune della storica battaglia ed avendo un vizio patologico per il gioco, si “autofinanziavano” commettendo rapine. Dopo attente indagini ed i riscontri, i due rapinatori sono stati individuati e i carabinieri hanno chiesto l’emissione di Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere, eseguita nelle ultime ore. I due sono un 43enne di Legnano e un suo amico e concittadino di 41 anni: ora sono in carcere al bassone. I Carabinieri di Lomazzo stanno indagando ora su altri possibili colpi messi a segno dalla banda della Golf verde nel comasco e nel milanese. I loro volti diffusi dai carabinieri in queste ore proprio per cercare di capire se altre possibili vittime li riconoscono.

Più informazioni su