CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

E intanto Aiello va a dirigere a Cantù!

Più informazioni su

Va raccontata la sconcertante vicenda del vice-comandante della polizia locale di Como, decisamente abile ed operativo, che il Comune mette in disparte nella scelta del successore a Vincenzo Graziani. E lui non si lascia sfuggire la ghiotta occasione e prende il posto di dirigente nella città brianzola. Francamente sconcertante…

 

 

 

Una mozione di sfiducia che trae le mosse da quello che per molti – ma non per la giunta e il sindaco Lucini – è un vero pasticcio alla comasca in salsa napoletana. nel senso che il protagonista principale, Vincenzo Aiello, partenopeo Doc, viene quasi “costretto” a trovare una nuova destinazione proprio dall’attendismo del Comune di Como. Aiello (Nella foto a lato min piedi all’interno del comando) da anni è un apprezzatissimo vice-comandante della Polizia Locale di Como. Bravo, operativo, conosce bene uomini e criticità. Lavora sodo e quando il suo comandante Vincenzo Graziani va in pensione – ad inizio anno formalmente – lui giustamente culla il sogno di prenderne il posto anche per meriti sul campo.

Invece no. Il comune di Como, per una decisione spiegata dall’assessore Introzzi in aula (vedi precedente lancio) e dallo stesso sindaco Lucini a CiaoComo pochi giorni fa, opta per una soluzione differente. Non il vice che subentra, ma un concorso ex novo con tempi lunghi e attesa. Nel frattempo nomina un dirigente (Fazio) come facente funzione anche se lo stesso di tutto si occupa tranne che si strade e criticità viabilistiche. Aiello, come è logico, ci resta male e vede subito uno spiraglio nella vicina Cantù. Lì cercano un nuovo comandante, lui ha le caratteristiche per esserlo e presenta richiesta. Già formalmente accolta dalla giunta di Claudio Bizzozero. E così Como perde un elemento di valore in modo sconcertante. Ma il braccio di ferro non è finito. Da quanto si è appreso in queste ore, Aiello starebbe aspettando solo il via libera per poter andare ad occupare il ruolo di dirigente-comandante a Cantù, ma Palazzo Cernezzi non sembra volerlo concedere così facilmente. E chi lo conosce bene parla di un Aiello nero come la pece anche se lui, al momento, non dice nulla…

Più informazioni su