CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Auto, strade e boschi: olgiatese al setaccio

Più informazioni su

Controlli a tappeto dei militari nelle ultime ore per evitare il ripetersi dei furti. Quasi 80 persone identificate, tre infrazioni al codice della strada. Sorpresi anche alcuni tossicodipendenti, ritirate anche armi e cartucce usate da un cacciatore di frodo.
 

 
 
 
Controlli in strada, sulle auto e nei boschi della zona dell’olgiatese. I carabinieri della compagnia di Como hanno concluso stamane i controlli in tutta la zona, iniziati ieri sera e proseguiti per tutta la notte. Obiettivo cercare di mettere un freno anche a furti e incursioni nelle case. Il bilancio dell’attività dei militari è stato il sequente
 
–   57 autovetture controllate
 
–    79 persone identificate
 
con la contestuale contestazione di  3 infrazioni al Codice della Strada.
 
 
 
–         segnalazione alla Prefettura quale assuntore di sostanza stupefacente di un 19enne di Castelnuovo Bozzente, controllato nei pressi di una zona boschiva in atteggiamento sospetto e trovato in possesso di modica quantità di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”;
 
–         avvio di procedimento amministrativo per l’applicazione della misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio a carico di 40enne di Tradate, trovato in atteggiamento sospetto in zona boschiva spesso teatro di spaccio di sostanze stupefacenti.
 
–      Dall’attività di controllo del movimento di persone sul territorio è scaturita la denuncia in stato di libertà di nr. 2 cittadini del Marocco, rispettivamente classe 1990 e 1989, entrambi domiciliati a Milano, per inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità (invitati, nel corso di un precedente controllo, a presentarsi presso il competente Ufficio Immigrazione per regolarizzare la loro presenza sul territorio nazionale, non avevano ottemperato).
 
 
Nel corso del servizio in questione è stata data esecuzione ad un decreto di divieto di detenzione di armi e munizioni emesso dalla Prefettura di Como a carico di 61enne di Olgiate Comasco che, denunciato dai carabinieri di Olgiate lo scorso 15 gennaio, in quanto, nel cacciare illegalmente in un laghetto artificiale posto all’interno di una proprietà privata in zona periferica di Olgiate Comasco, aveva attinto e danneggiato gli infissi di una abitazione ivi adiacente, con contestuale ritiro di 7 armi comuni da sparo e di oltre 2.000 cartucce.

Più informazioni su