CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Prima c’è la salute pubblica: niente slot

Più informazioni su

Lo ha stabilito una sentenza emessa dal Tar della Lombardia: a meno di 500 metri da scuole, chiese ed ospedali prevale la valenza pubblica rispetto agli interessi dei commercianti. Divieto ad installare le macchinette nonostante la proteste dell’esercente.

 

 

Le distanze dai luoghi sensibili previste dalla legge regionale della Lombardia – 500 metri da scuole, chiese e ospedali – rendono prevalenti gli interessi di tutela della salute pubblica, rispetto ai possibili danni economici dei titolari di sale slot: come riporta Agipronews, è quanto ha ribadito oggi il Tar Lombardia, che ha respinto il ricorso di un esercente di Cantù a cui il Comune ha negato l’autorizzazione a installare le slot, perchè il locale era troppo vicino a una scuola. Secondo i giudici amministrativi “nel bilanciamento tra i contrapposti interessi coinvolti” prevale quello di tutela della salute “che le disposizioni regionali tendono a perseguire”.

Più informazioni su