CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

I 5stelle: stop alla Pedemontana. Respinta

Più informazioni su

Mozione rigettata nel pomeriggio dal consiglio regionale sulla arteria in fase di realizzazione nel comasco. Chiedevano di spostare le risorse per il suo completamento, a Lomazzo, sulla messa in sicurezza della rete stradale esistente. 36 voti contrari. Gli interventi di Gaffuri e della Maroni.

 

 

 

 

 

Una mozione per fermare a Lomazzo i lavori di realizzazione dell’autostrada Pedemontana è stata presentata questo pomeriggio in Consiglio regionale dal Movimento 5 Stelle e respinta con 36 voti contrari e 9 a favore. Non ha partecipato al voto il gruppo del Partito Democratico. “Non c’è più tempo da perdere –ha affermato Gianmarco Corbetta (M5Stelle)-, Pedemontana va fermata subito al Tratto A, in via di ultimazione, con l’immissione del traffico sulla A8 a Lomazzo. La realizzazione del tratto B1, fino all’imbocco della Milano-Meda a Lentate sul Seveso, sarebbe drammatico per tutta la Brianza. La superstrada è già oggi congestionata, l’arrivo di nuovo traffico da Varese, Como e Saronno getterebbe nel caos viabilistico i comuni sull’asse della Milano-Meda (Lentate, Barlassina, Seveso, Cesano, Bovisio Masciago). Oggi in Regione –ha concluso Corbetta- vogliamo dare voce a una posizione condivisa da molti cittadini, comitati e associazioni che in ambito regionale non hanno mai trovato adeguata sponda politica”.


La mozione chiedeva anche di spostare le risorse economiche destinate alle tratte B1, B2, C e D verso investimenti di messa in sicurezza e di risanamento della rete stradale esistente e di potenziamento del trasporto pubblico su ferro. Nella sua replica l’Assessore regionale alle Infrastrutture Maurizio Del Tenno ha ribadito di attendere il progetto esecutivo del tratto B2 per poi avviare un confronto ufficiale con i sindaci interessati: “In ogni caso –ha evidenziato Del Tenno- Pedemontana resta una struttura strategica non solo per la Lombardia, ma per tutto il territorio del Nord Italia e quindi per il Paese intero. Ben vengano possibili correttivi e migliorie praticabili, ma chi nega l’importanza infrastrutturale di Pedemontana non riconosce la realtà: la Lombardia è delle quattro regioni motori d’Europa quella con il minor tasso di infrastrutture”.


Sul tema sono intervenuti anche il Consigliere Segretario del Consiglio regionale Daniela Maroni (Lista Maroni), Roberto Anelli (Lega Nord), Claudio Pedrazzini (Forza Italia), Laura Barzaghi ed Enrico Brambilla (PD).

Più informazioni su