CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Il dramma del figlio: senza mamma e papà

Più informazioni su

I risvolti del delitto di Mozzate: il piccolo di 5 anni non sa ancora che non potrà piu’ rivedere i genitori: lei è stata uccisa, lui rischia l’ergastolo per questo omicidio. Ancora non gli è stato detto niente. Continua a vivere a Rimini con la nonna e l’altro fratello di 11 anni. Dritan, interrogatorio a breve.

 

 

 

 

Ha appena 5 anni ed una esistenza già difficile. Non sa ancora che dovrà crescere forse con i nonni, forse no. Non sa ancora che non avrà mai al suo fianco, nella crescita, mamma e papà. Perchè lei, Lidia Nusdorfi, 35enne, è stata uccisa brutalmente dal papà, Dritan Demitraj, albanese di 29 anni, da anni pasticcere a Rimini. L’ha aspettata in stazione a Mozzate – sabato sera – e l’ha aggredita con un coltello. Odio, rancore, voglia di vendetta. L’ha lasciata abterra agonizzante perchè lei aveva deciso di rifarsi una vita lontano da lui a Mozzate appunto. Allacciando una nuova relazione sentimentale.

Il vero dramma, comunque, è quello del figlio di Lidia e Dritan. Il piccolo, nato 5 anni fa, vive a Rimini con il padre e la madre di lui, la sua nonna. Ma ancora non gli è stato detto di quello che è accaduto. Nessuno ha avuto la forza per farlo. L’altro figlio della donna – nato da una sua precedente relazione – ha 11 anni e pure lui sta con il fratellino piu’ piccolo. Lui qualcosa ha saputo. Sa che mamma non c’è piu’ e che al suo fian co, nella delicata crescita, non ci sarà neppure suo padre naturale, ma che di fatto l’aveva ben accolto in casa.

Dritan è in cella. A lui contestato l’omicidio premeditato. Rischia l’ergastolo. Dopo la sua confessione ai carabinieri, ora attesa per l’interrogatorio che avverrà in carcere a Rimini dove è rinchiuso. E dove si trova anche il suo – ormai ex – datore di lavoro, Massimo mengoni, finito nei guai per avere cercato di dargli un alibi per la sera del delitto. Anche se sapeva tutto: l’orrore del gesto commesso. Ma non ha pensato a invitarlo ad andare dai carabinieri a costituirsi. Da qui il suo arresto per favoreggiamento personale.

(nelle foto la vittima, Lidia Nusdorfi e il suo assassino ed ex compagni Dritan Demitraj)

 

http://www.riminitoday.it/cronaca/omicidio-lidia-nusdorfi-video-arresto.html

Più informazioni su