CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Ecco le foto dei due arrestati per il delitto

Più informazioni su

altDiffuse poco fa dai carabinieri del comando provinciale che hanno lavorato a stretto contatto con quelli di Rimini. In carcere l’albanese che ha accoltellato la ex compagna al sottopasso della stazione di Mozzate ed il suo datore di lavoro (CLICCA QUI). Denunciata un’amica dell’extracomunitario: gli ha fornito un alibi falso.

 

 

 

 

alt

 

Tutto risolto in 24 ore, poco più di un giorno di attività frenetica. Le indagini dei carabinieri di Como e dei colleghi di Cantù, unitamente ai colleghi del reparto operativo di Rimini, hanno prodotto il risultato sperato. Preso l’autore del brutale delitto di sabato sera alla stazione di Mozzate ed anche chi ha cercato di coprirlo in modo orrendo. In cella, dunque, per omicidio premeditato (pensato e programmato secondo i militari e la Procura di Como che ha coordinato l’inchiesta) l’albanese Dritan Demiraj, 29 anni, da tempo occupato come pasticcere proprio a Rimini. E lì è stato fermato ieri sera dai carabinieri che, piano piano, lo hanno fatto crollare dopo che inizialmente era rientrato nella città romagnola in auto dopo aver commesso il delitto ed aveva detto di avere avuto un alibi di ferro.

 

{youtube}MTwaOWQ8cxk{/youtube}

 

A supportarlo nelle sue bugie anche il titolare dell’attività di pasticcere, Massimo Mengoni. Lui ha detto che Dritan è stato tutto il sabato pomeriggio a lavorare in pasticceria, in realtà era andato in auto a Mozzate ed aveva aggredito mortalmente la sua ex compagna. In cella è finito anche Mengoni con l’accusa di favoreggiamento personale. Ha evitato il carcere – ma è stata denunciata per favoreggiamento anche lei – una amica romagnola di 37 anni che ai carabinieri ha detto che sabato sera il giovane era con lei. Bugia. Era appena rientrato da Mozzate ancora sporco di sangue della sua ex…

Nella foto l’albanese Dritan a sinistra, a destra il suo datore di lavoro Massimo Mengoni

 

Più informazioni su