CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Tenta di rapinare la gioielleria: preso!

Più informazioni su

Un maldestro tentativo di un 45enne nato in Germania, in Italia senza fissa dimora. Minacce l titolare con una pistola, poi la richiesta di 2.000 euro. Infine h danneggiato con i sassi l’auto di un turista tedesco di passaggio a Como. Inutile la fuga, scovato dai carabinieri.

 

 

 

 

Un maldestro tentativo di rapinare una gioielleria di via Borgovico a Como. E’ successo ieri quando un uomo, con il volto non travisato, dopo essersi introdotto nel negozio ed vere finto di avere una pistola dentro la tasca del suo giubbotto, ha intimato al commerciante di consegnargli la somma di 2000 euro in contanti, nonché tutto l’oro esposto in vetrina. Alla prima resistenza del gioielliere, che ha dichiarato di non essere in possesso di quella somma, il rapinatore avrebbe ridotto le sue pretese q 1500 euro.  Di fronte alla nuova resistenza del commerciante, uscito di corsa dalla gioielleria allo scopo di chiedere aiuto, il rapinatore – utilizzando delle grosse pietre prese dalla strada –  ritenendo erroneamente che un’autovettura Mercedes 320 parcheggiata fuori dal negozio fosse di proprietà del gioielliere stesso, l’ha colpita ripetutamente danneggiandola in modo serio (l’auto era in realtà di un ignaro automobilista, anch’egli nato in Germania, che ha sporto in seguito denuncia di danneggiamento).

In seguito, vedendo che il commerciante era riuscito a chiedere l’intervento dei carabinieri, il rapinatore si è dato repentinamente alla fuga – a piedi – provando a fare perdere le proprie tracce. L’immediato intervento di due pattuglie del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Como consentiva di rintracciare il rapinatore a pochi metri di distanza e di assicurarlo alla giustizia. L’uomo, un 45enne nato in Germania, in Italia senza fissa dimora, dopo aver passato una notte nelle camere di sicurezza del Comando Provinciale Carabinieri di Como, in mattinata è stato portato davanti all’Autorità Giudiziaria di Como, per essere processato con rito direttissimo,. Deve rispondere di tentata rapina e danneggiamento aggravato.

 

Più informazioni su