CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

L’ultima telefonata all’amico:”Vieni qui…”

Più informazioni su

Altri particolari dal delitto dell’alto lago ad ormai una settimana dal fatto. Sandrini chiama e spiega dove si trova:”Sto male…”. Il killer lo aveva appena ferito alle spalle mentre percorreva la pista ciclabile tra Gera e Domaso. Interrogatori a raffica: il cerchio, però, si stringe sulla cerchia di amici.

 

 

 

Ancora niente. Nessun fermo ad ormai una settimana dal delitto di Gera Lario, alto lago di Como, dove Alfredo Sandrini, 40enne falegname, è stato colpito da quattro colpi di arma da fuoco (pistola o fucile ancora non stabilito) mentre percorreva la pista ciclabile in bici. Colpito alle spalle, ferito per diversi metri prima di scendere dalla bici e chiedere aiuto. Sandrini ha chiamato – è emerso dagli inquirenti – un amico chiedendogli di raggiungerlo subito:”Sto male – avrebbe detto – vieni a prendermi…” sequito dall’indicazione di dove si trovava. Ma quando l’amico è arrivato in posto il 40enne di Sorico era già in ambulanza diretto verso l’ospedale di Gravedona dove poi è deceduto

 

Nessuna svolta nel delitto e ancora ufficialmente nessun movente tra le decine di persone della zona già sentite da carabinieri e Pm Fadda: abitanti, amici, parenti, conoscenti della vittima. Si continua a scavare nella speranza di dare un nome ed un volto a chi ha sparato.

Più informazioni su