CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Festa russa il 7 gennaio al Casinò di Campione

Più informazioni su

Pubbliredazionale:

alt

Natale ortodosso con i Matia Bazar.

Il Casinò Campione d’Italia conferma l’attenzione da tempo rivolta alla clientela russa, la cui potenzialità era stata individuata da un lungimirante piano aziendale che comincia  a raccogliere il frutto di un’accoglienza speciale degli ospiti provenienti appunto dalla Russia.

 

 

 

 

Il Casinò Campione d’Italia conferma l’attenzione da tempo rivolta alla clientela russa, la cui potenzialità era stata individuata da un lungimirante piano aziendale che comincia  a raccogliere il frutto di un’accoglienza speciale degli ospiti provenienti appunto dalla Russia.
Proprio a loro il 7 gennaio 2014 sarà dedicata la celebrazione della ricorrenza del Natale ortodosso, considerata la più importante dell’anno nella tradizione russa, che si rinnoverà al nono piano del Casinò, nel Salone delle feste dove per l’occasione è previsto un gala dinner – profumi, colori e soprattutto sapori russi saranno i protagonisti della serata: lo chef imbandirà infatti un menú con le prelibatezze di quella tradizione gastronomica – corredato da un concerto straordinario dei Matia Bazar. La formazione, che si è saputa costantemente rinnovare dagli esordi, nel 1975, con il singolo “Stasera… che sera”, passando da Un disco per l’estate a Sanremo, ha pubblicato una serie di album regolarmente accolti con successo, confermandosi tra i migliori gruppi italiani, capace di svolte e aggiornamenti rock lungo una carriera dove il mutare delle voci ha consentito di proseguire un itinerario musicale contrassegnato da un nome glorioso, Matia Bazar.

L’appuntamento comprende cena di gala, in tavola si confermerà l’alto standard della cucina del Casinò (al prezzo di franchi 150 o 120 euro), o drink (a franchi 50 o 42 euro)

alt

Per informazioni e/o prenotazioni telefonare allo 00 41 91 640 11 11,

oppure al numero verde 00800 80077700.

 

Campione d’Italia,  2 gennaio 2014

Più informazioni su