CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

La Tares fa litigare. Poi Lucini la rimanda

Più informazioni su

Saggia decisione del sindaco di Como dopo una mattinata di grande confusione all’Ufficio tributi di Palazzo Cernezzi: il pagamento della rata del 31 dicembre spostato a metà gennaio. Alcuni non hanno ricevuto nulla, altri importi giudicati eccessivi. Da qui il pagamento al 24 gennaio.

 

 

Code, rabbia, proteste e imprecazioni. Dopo una mattinata di ordinaria confusione, nell’Ufficio tributi del comune di Como – con decine di persone a chiedere spiegazioni – ecco la decisione – arrivata nel pomeriggio dal sindaco Mario Lucini. La scedenza del 31 dicembre, per il pagamento della Tares, rimandato alla metà di gennaio (giorno 24 per la precisione). Il termine della seconda rata della Tares slitta, dunque, al 24 gennaio.  “Si comunica – si legge nella nota – che il termine per il pagamento della maggiorazione TARES da pagare allo Stato (pari ad € 0,30 al mq. ed identificata dal codice tributo 3955) è stato differito al 24 gennaio 2014 dall’art. 1, comma 680, della legge n. 147 del 27 dicembre 2013 (legge di stabilità per il 2014). Pertanto, anche il termine del 31/12/2013, stabilito dal Comune di Como per il pagamento del saldo TARES, mediante deliberazione del Consiglio Comunale n. 64 del 21/11/20163, deve intendersi differito alla stessa data del 24 gennaio 2014″. Alcuni comaschi non hanno ancora ricevuto nulla via posta per il pagamento, altri hanno ricevuto importi considerati eccessivi. Da qui, dopo la confusione di oggi, la saggia decisione di Lucini

Più informazioni su