CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Sant’Anna, “medicina” di nome De Sfroos

Più informazioni su

Il popolare cantautore comasco si è esibito per la terza volta all’ospedale di San Fermo. Il suo show ha entusiasmato degenti e operatori, accorsi numerosi per applaudirlo. Lanciata anche la mostra “Autofocus”: il racconto di cinque donne che si sono confrontate con la malattia oncologica.

 

 

 

 

Un concerto apprezzatissimo. Musica e simpatia di Davide Van De Sfroos e della sua band oggi pomeriggio all’ospedale Sant’Anna per pazienti, operatori e visitatori. E’ la terza volta che il cantautore lariano si esibisce nel presidio comasco richiamando la presenza di oltre 300 persone. L’evento è stata anche l’occasione per presentare la mostra Autofocus, visitabile fino al 16 gennaio 2014 al Sant’Anna. L’esposizione è nata da un’idea di Alice Asinari, fotografa, e Anna Berna, psicologa e psicoterapeuta, che si sono volute sperimentare in un sodalizio professionale che offrisse una proposta terapeutica differente da quelle solitamente previste.

Attraverso una serie di cinque incontri condotti in modalità di gruppo, si è lavorato sull’elaborazione dell’esperienza della malattia oncologica associando vissuti emotivi a immagini simboliche che ogni partecipante – in tutto cinque pazienti della Senologia – ha scelto come
rappresentative della propria esperienza.La narrazione della propria storia non è più affidata al solo linguaggio orale ma esplora la dimensione iconica e immaginativa. L’immagine, che ci costringe faccia a faccia con il nostro Io, è di volta in volta investita di quella porzione di identità che si vuole mostrare;  scegliamo così di ricordare, condividere, omettere o rivelare, tacere o gridare stralci di noi in uno spazio di incontro protetto e non giudicante dove ognuno può intraprendere un proprio percorso individuale.

Autofocus | Di ritorno da noi racconta una storia. La storia di cinque donne che si sono confrontate con l’esperienza della malattia oncologica  e che hanno scelto di non renderla protagonista della propria vita ma di trasformarla in un’esperienza dotata di senso.

Più informazioni su