CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Sfiducia a Cavadini: slitta di una settimana

Più informazioni su

Niente voto ieri sera in consiglio comunale a Como dopo che i consiglieri di opposizione, compatti, hanno presentato una mozione contro l’assessore alla cultura. Rinvio a lunedì. Critiche da Butti, Ceruti, Veronelli e Molteni. Sergio Gaddi mostra un video delle sue mostre a Villa Olmo:”Lui ha numeri fallimentari”.

 

 

 

Slitta di una settimana il voto del consiglio comunale di Como sulla mozione di sfiducia a Luigi Cavadini, assessore alla Cultura. La decisione è stata presa attorno a mezzanotte dopo una lunga discussione, praticamente durata per l’intera serata. La mozione, presentata dai consiglieri di opposizione, sarà votata, dunque, lunedì prossimo a scrutinio segreto.

La Lega Nord, con i consiglieri Alberto Mascetti e Diego Peverelli, ha già dichiarato che non la voterà. Tra gli interventi di ieri quello di Marco Butti (Gruppo Misto), primo firmatario del documento contro l’assessore Cavadini. Da lui critiche per i pessimi risultati ottenuti nella gestione della mostra a Villa Olmo. Il predecessore di Cavadini alla cultura, Sergio Gaddi (Forza Italia) ha mostrato in aula una proiezione delle sue nove mostre realizzate a Villa Olmo insistendo molto anche lui su numeri fallimentari. Critiche poi anche da Luca Ceruti (5stelle), Anna Veronelli (Forza Italia e Mario Molteni (PerComo).

La prima a parlare a nome dei consiglieri di maggioranza è stata la consigliera Patrizia Lissi (PD): “Ribadisco la totale fiducia all’assessore Cavadini al quale diamo il merito di aver scelto una tematica, quella sulla Città Nuova, che ci coinvolge tutti ma che attrae meno”. A sostenere Cavadini anche Luigi Nessi di Paco-Sel. Tutto poi rinviato di una settimana come detto.

 

Più informazioni su