CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

“Dai peso alla salute”, visite al Sant’Anna

Più informazioni su

Venerdì prossimo ritorna l’Obesity day, una giornata per contrastare sovrappeso e malattie correlate. All’ospedale di San Fermo esperti a disposizione per consulti gratuiti e test della glicemia. Problema serio nel comasco: oltre la media il 32% della popolazione. NON SERVE ALCUNA PRENOTAZIONE.

 

 

 

In occasione del terzo compleanno dell’Ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia e dell’iniziativa nazionale Obesity Day 2013, venerdì 4 ottobre il presidio comasco apre le porte ai cittadini per offrire controlli gratuiti. L’iniziativa, denominata “Dai peso alla tua salute”, ha lo scopo di contrastare il sovrappeso e la malattie correlate, quali, ad esempio, diabete e malattie cardiovascolari, attraverso la promozione di corretti stili di vita e consigli per una sana alimentazione senza dimenticare l’esercizio fisico.

Dunque, venerdì prossimo dalle  9 alle 13, presso lo Spazio Eventi al piano -1 rosso, i medici di Malattie Endocrine e Diabetologia saranno a disposizione della popolazione per effettuare il test gratuito della glicemia e la misurazione della pressione arteriosa. Per tutti i partecipanti sarà anche possibile effettuare la valutazione della composizione corporea attraverso la misurazione di alcuni parametri antropometrici, quali il peso, l’altezza, la circonferenza vita. L’evento si avvarrà anche della collaborazione degli studenti del Corso di Laurea in Infermieristica dell’Università dell’Insubria – Como. L’Obesity Day è promosso dall’Adi, l’Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica. Gli specialisti del Sant’Anna compileranno per ogni partecipante una scheda che potrà essere portata al medico di famiglia. Non è necessaria l’impegnativa né la prenotazione.

L’obesità e il sovrappeso sono ormai fenomeni diffusi anche in provincia di Como. Una ricerca dell’Asl ha rilevato nel 2007 il sovrappeso nel 32 % della popolazione e il 10% di obesità. E’ d’obbligo quindi un intervento preventivo, dove una corretta alimentazione deve trovare costante supporto allo stimolo al movimento e alla lotta alla sedentarietà.

 

Più informazioni su