CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Adesso tutti vogliono la carta-sconto: code

Più informazioni su

Corsa ad attivare lo strumento che molti finora hanno avuto solo nel portafoglio senza usarla. Adesso fare il pieno nel comasco è competitivo. “Costa di meno che in Svizzera – precisa la consigliere regionale Daniela Maroni – e non  fatevi trarre in inganno da errate informazioni”. DOVE POTERLA ATTIVARE.

 

 

 

Nei comuni di residenza, alla Asl, ma anche alla sede regionale di Como, via Einaudi. In questi giorni non mancano le code dopo l’adeguamento della Carta Sconto Benzina, ufficializzata lo scorso martedì 17 settembre da Regione Lombardia. I cosiddetti “pendolari del pieno”, i  cittadini soliti rifornirsi di carburante in Svizzera,  improvvisamente non si sono più presentati alle dogane,  convinti dal notevole risparmio garantito nelle fasce A e B dagli sconti aggiornati. Dati alla mano ora si arriva infatti alla pari, se non addirittura si scende rispetto al tariffario elvetico.

“Oggi il costo benzina Italia è inferiore alla Svizzera” – spiega Daniela Maroni, Consigliere regionale comasco e ideatrice della Carta sconto.  La dichiarazione contiene anche un monito: “Non prendiamo in considerazione le errate informazioni che prendono come riferimento impianti di località situate al di fuori della fascia di confine. E’ un po’ come se si guardasse il prezzo a Milano”, un paragone che non regge, e di cui sono in primo luogo consapevoli i cittadini. In centinaia non a caso si sono presentati negli uffici comunali, per attivare nuove Carte Regionali dei Servizi. Uno strumento certo non nuovo, ma sul quale probabilmente in molti non riponevano più speranze: “Gli sconti, rimasti invariati per troppi anni, hanno via via esaurito il loro potere concorrenziale  rispetto ai prezzi svizzeri, soprattutto dopo l’impennata delle accise” sostiene la Maroni, che poi aggiunge con soddisfazione: “di fronte al rinnovato vantaggio garantito dallo sconto, decine e decine di lombardi si sono ricordati di questo strumento, che improvvisamente è rinato. Ricordo che le CRS al momento in uso sono 450.000, quelle messe a disposizione sono il doppio, ben 900.000”. E, come detto, in queste ore in tanti stanno cercando di attivare la carta per usufruire delle agevolazioni.

Daniela Maroni proprio ieri a CiaoComo ha assicurato anche il suo impegno per ottenere sconti ed agevolazioni anche per i possesori di diesel. “Ma questo – ha precisato – solo dal prossimo anno e se ci saranno le risorse disponibili”.

 

Più informazioni su