CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Il Pirellone: si cambia la sosta al Sant’Anna

Più informazioni su

La decisione è stata presa oggi in Regione. Mozione approvata all’unanimità dai presenti (LEGGI QUI I DETTAGLI ED I COMMENTI DEI CONSIGLIERI COMASCHI). Primo firmatario Alessandro Fermi:”Chiediamo di ridurre le tariffe e di rendere gratuita la sosta per i dipendenti”.

 

 

 

Accordo da rivedere per la gestione dei posti auto all’ospedale Sant’Anna di San Fermo. Lo ha assicurato oggi  il Sottosegretario all’Attuazione del Programma Ugo Parolo (Lega Nord), accogliendo così l’invito formulato dal Consiglio regionale attraverso una mozione approvata oggi all’unanimità. L’accordo, sottoscritto nel 2003 tra Regione Lombardia, Azienda Ospedaliera Sant’Anna di Como, Provincia di Como, Comune di Como, Comune di Montano Lucino e Comune di San Fermo della Battaglia, che prevedeva la concessione gratuita al Comune di San Fermo della gestione dei parcheggi dell’Ospedale e la realizzazione di un nuovo collegamento stradale di servizio all’Ospedale tra via Peneporto e via Ravona

“Con questa mozione – spiega il primo firmatario Alessandro Fermi (Pdl, nella foto a lato) – chiediamo di ridurre le tariffe per gli utenti del parcheggio dell’Ospedale esentando i dipendenti che lavorano all’interno del Sant’Anna e contemporaneamente chiediamo che il gettito derivante dagli incassi pagati dagli utenti per usufruire del parcheggio sia destinato non più al solo Comune di San Fermo, ma ridistribuito in parte all’Azienda Ospedaliera e per la parte rimanente a tutti i soggetti che hanno sottoscritto l’accordo di programma. Una sanità efficiente e meno costosa –ha evidenziato Fermi- passa non solo da prestazioni e servizi economicamente più accessibili, ma anche da accessi ai servizi meno costosi. L’obiettivo è pertanto quello di agevolare i cittadini che usufruiscono della struttura del Sant’Anna garantendo al tempo stesso introiti maggiori all’Azienda Ospedaliera”.

“Non possiamo chiedere alle famiglie che, per problemi di salute, si recano obbligatoriamente tutti i giorni in ospedale –ha aggiunto il Consigliere Segretario dell’Ufficio di Presidenza Daniela Maroni (Lista Maroni Presidente)- un esborso pari a 1,50 euro per le prime due ore e 1 euro per le successive, oltretutto in un momento di difficoltà economica come questo.  Discorso simile va esteso anche per i posti auto riservati ai dipendenti dell’Ospedale, obbligati a contribuire per il parcheggio con una quota del loro stipendio:  pertanto riteniamo opportuno chiedere l’esenzione dal pagamento”.

Ad eccezione dei residenti nel Comune di San Fermo che hanno diritto all’esenzione del pagamento, il costo per la sosta nel parcheggio dell’ospedale ha una tariffa di 1,5 euro all’ora per le prime due ore e di 1 euro all’ora dalla terza in poi, mentre i dipendenti dell’ospedale pagano un canone mensile tra le 10 e le 30 euro. Attualmente il Comune di San Fermo incassa dal parcheggio dell’ospedale, grazie alle tariffe attuate, quasi un milione di euro all’anno.

Nel documento approvato oggi il parlamento lombardo chiede inoltre di stralciare dall’accordo di programma l’impegno a realizzare il collegamento stradale di servizio all’Ospedale tra via Peneporto e via Ravona, che presenta un costo di realizzazione superiore ai 4 milioni di euro a carico della Provincia di Como e che non risulta più essere utile e necessario. In sede di discussione della mozione sono intervenuti anche i Consiglieri regionali comaschi firmatari del documento Francesco Dotti (Fratelli d’Italia), Luca Gaffuri (PD), Dario Bianchi (Lega Nord) e Stefano Buffagni (M5Stelle), sottolineando in modo unanime la necessità di destinare i proventi del parcheggio non più al solo Comune di San Fermo e di cancellare la realizzazione di una strada non più utile e necessaria.

“Il Consiglio regionale oggi ha dato un segnale importante approvando all’unanimità la mozione relativa alla gestione dei parcheggi del nuovo ospedale Sant’Anna e relativa anche alla viabilità aggiuntiva al servizio dell’ospedale di San Fermo. E’ chiaro che – come rimarcato in aula dal sottosegretario Parolo – per la revisione dell’accordo tutti gli attori coinvolti debbono essere d’accordo, ma è vero anche dopo dieci anni un segnale va dato ai cittadini, ai dipendenti e per tutti coloro che si recano nel nuovo nosocomio. Occorrono subito due provvedimenti “distensivi”, dopo anni di polemiche roventi: parcheggi gratuiti per i dipendenti e revisione delle tariffe orarie con prima mezzora (primi 45 minuti sarebbe l’ideale, ndr) gratuita per gli utenti”. Così il consigliere regionale Francesco Dotti (Fratelli d’Italia), intervenuto oggi pomeriggio in aula sulla mozione per la gestione dei parcheggi del nuovo ospedale Sant’Anna.

 

Più informazioni su