CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

5stelle in piazza per salvare l’articolo 138

Più informazioni su

Oggi e domani in centro Como i rappresentanti del Movimento di Beppe grillo cercano di sensibilizzare i comaschi sui rischi di una possibile modifica. ASCOLTA LE PAROLE DI UNO DI LORO. Se passasse, i tempi delle delibere tra Camera e Senato sarebbero sensibilmente accorciati.

 

 

 

Sabato affollato di turisti a spasso per le vie cittadine, in piazza Duomo a Como il Movimento 5 Stelle ha predisposto un gazebo per salvare l’articolo 138 della Costituzione che recita:” Le leggi di revisione della Costituzione e le altre leggi costituzionali sono adottate da ciascuna Camera con due successive deliberazioni ad intervallo non minore di tre mesi, e sono approvate a maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna Camera nella seconda votazione. Le leggi stesse sono sottoposte a referendum popolare quando, entro tre mesi dalla loro pubblicazione, ne facciano domanda un quinto dei membri di una Camera o cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali. La legge sottoposta a referendum non è promulgata non è approvata dalla maggioranza dei voti validi. Non si fa luogo a referendum se la legge è stata approvata nella seconda votazione da ciascuna delle Camere a maggioranza di due terzi dei suoi componenti”.

Ecco quindi la presenza del gazebo del movimento, oggi e domani a partire dalle ore 10 in piazza Duomo a Como, per raccogliere le firme dei cittadini: Dal comunicato e dalla viva voce dei presenti, tra i quali il consigliere comunale cittadino di M5S Luca Ceruti, le motivazioni:”La proposta di modifica dell’articolo 138 avrebbe come conseguenza, ove posta in essere, l’effetto di diminuire i tempi di “intervallo” tra le deliberazioni dellE Camere da tre mesi ad un mese, lasciando comunque la possibilità del referendum confermativo,  di inserire nel percorso di preparazione della legge, un nuovo organismo “Il Comitato Dei Saggi”. Il MoVimento 5 Stelle si è fatto portavoce, secondo interpretazioni autorevoli, di quanto sia decisamente poco opportuno e assolutamente criticabile intervenire proprio nella modifica dell’articolo 138 della Costituzione, considerato da molti passaggio propedeutico a quelle riforme. Riformare la Costituzione è cosa delicata e pensare a uno stravolgimento dei suoi principi fondamentali fa venire i brividi. Per questo esiste l’articolo 138 con le sue garanzie. Per questo l’articolo 138 deve essere difeso”.

Il video: le motivazioni di questa raccolta di firme in centro Como

{youtube}hNelzANe8fo{/youtube}

Più informazioni su