CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Fusioni dei comuni: due richieste non ci sono

Più informazioni su

Lo sostiene il consigliere regionale del Pd Luca Gaffuri che chiede ora spiegazioni alla Regione:”Vogliamo vedere gli atti e capire il perchè di questa scelta”. Si tratta delle richieste di Lenno, Mezzegra, Ossuccio e Tremezzo, ed anche di Menaggio. LEGGI IL DETTAGLIO. Ma il deputato Guerra smentisce l’assenza…

 

 

 

Due domande di fusione presentate da un insieme di piccoli comuni comaschi non sono state prese in considerazione dalla Giunta regionale. Si tratta dei comuni di Lenno, Mezzegra, Ossuccio e Tremezzo nel primo caso e di Menaggio, Grandola Ed Uniti, Plesio e Bene Lario nell’altro. In entrambi i casi le domande non risultano inserite tra gli undici progetti di legge di fusione deliberati nella Giunta del 2 agosto scorso. Le motivazioni non sono note ma l’assessore regionale all’agricoltura Gianni Fava ha già fatto sapere che prima di settembre non sono in programma altre giunte regionali e pertanto sono rinviati al 2014 tutti i progetti di legge esclusi. Così facendo, però, si perde un anno di tempo senza apparenti motivi per dare il via ad un processo che intende migliorare i servizi per i cittadini e contenere i costi dell’ amministrazione.

Il consigliere regionale del Pd Luca Gaffuri, comasco (NELLA FOTO A LATO), non ci sta e chiede conto alla Giunta delle motivazioni che sottendono a questa decisione e della forzatura politica fatta dall’assessore Fava, visto e considerato che questa non è nemmeno sua materia di competenza. “Chiederemo l’accesso agli atti per capire e valutare nel merito le motivazioni che hanno portato la Regione a non prendere in esame le due richieste di fusione presentate dai comuni comaschi – dichiara Gaffuri -.  Una volta acquisita la documentazione valuteremo di presentare un’ulteriore richiesta di supplementi di istruttoria per dare seguito alle richieste. Non capiamo le ragioni della Giunta visto che le due richieste sono state presentate nei modi e nei tempi prescritti – spiega – tanto più che non spetta alla Regione sindacare sulla regolarità della delibere comunali. Ci auguriamo che la bocciatura dell’ipotesi di fusione di questi comuni si basi su ragioni valide e non pretestuose”.

 

Questo l’elenco delle richieste di fusione giunte dal Comasco:

1) Bellagio- Civenna

2) Uggiate Trevano – Faloppio – Ronago

3) Gironico – Parè – Drezzo

4) Claino con Osteno – Corrido – Porlezza – Valsolda – Val Rezzo

5) Menaggio – Grandola ed Uniti – Plesio – Bene Lario

6) Lenno – Osuccio – Mezzegra – Tremezzo

 

“Il procedimento per la fusione in Tremezzina prosegue regolarmente in attesa della fissazione della data del referendum da parte della Regione”. Lo dichiara il deputato comasco del PD Mauro Guerra che precisa proprio in queste ore: “In merito alle notizie di stampa in ordine ad una presunta esclusione da parte di Regione Lombardia della richiesta di attivazione del procedimento di fusione riguardante i Comuni dellaTremezzina , posso confermare che tale richiesta è stata correttamente inviata tramite PEC (Posta Elettronica Certificata) il 30 luglio scorso e quindi entro il termine del 31 luglio 2013 fissato dall’Assessore Garavaglia e che la trasmissione è stata comunicata formalmente ai Comuni interessati. Inoltre rassicuro che la stessa richiesta, completa di tutta la documentazione necessaria, ad oggi risulta essere ancora oggetto di istruttoria da parte degli uffici competenti e solo ed esclusivamente per tale ragione non è stata esaminata nella Giunta regionale del 2 agosto scorso”.

 

 

 

Più informazioni su