CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Sant’Anna, è un vero boom del parto indolore

Più informazioni su

altI numeri forniti in occasione dei festeggiamenti della patrona. Il servizio, da quando è stato attivato 24 ore su 24 è passato dal 18% al 30%. GUARDA IL VIDEO DELLA PRESENTAZIONE.

 

Al Sant’Anna sempre più mamme scelgono la partoanalgesia. Il servizio, da quando è stato attivato 24 ore su 24 nell’ottobre 2012, è cresciuto passando da una percentuale di utilizzo del 18% per i parti naturali al 30%. I risultati del potenziamento del percorso nascita e i dati di attività dell’ospedale sono stati presentati oggi in occasione della Festa di Sant’Anna, patrona del presidio e dell’Azienda. Presenti molte autorità.

 

Anche i parti sono in aumento nella struttura di San Fermo: per fine anno, visto l’andamento dei primi sei mesi del 2013, si calcola che verrà sfiorata quota 2mila parti (nel 2012 i parti sono stati 1.876). L’ospedale di via Ravona ha tagliato anche altri traguardi, evidenziati dal direttore generale Marco Onofri e dal direttore sanitario Giuseppe Brazzoli.

 

GUARDA IL VIDEO:

{youtube}fZ8kJgmQit0{/youtube}

 

 

L’attività:

Per quanto riguarda le persone che hanno utilizzato il pronto soccorso, il numero di accessi è cresciuto nel 2012 rispetto al 2011 del 4%, passando da 66.400 a 68.911, per un totale di 516.808 prestazioni erogate nel 2012. In incremento del 5% i pazienti ricoverati, che sono stati 9.977 nel 2011 e 10.495 nel 2012. Anche nel primo semestre di quest’anno rispetto al primo semestre dell’anno scorso si è verificato un ulteriore aumento su questo fronte (5.150 pazienti l’anno scorso e 5344 pazienti i primi sei mesi di quest’anno), pari al 4%, per un totale di 194 ricoveri in più.

Trend in aumento anche per gli interventi chirurgici, passati dai 12.734 del 2011 ai 13.314 nel 2012 (+5%). Per l’emergenza-urgenza, gli interventi in questo settore, pari a 2.849 nel 2012, sono cresciuti del 15% rispetto al 2011 (2.486), mentre nel primo semestre del 2013 rispetto allo stesso periodo del 2012 si sale a quota +43%, passando da 1.356 interventi del primo semestre 2012 ai 1.937 del primo semestre 2013.

Per quanto concerne i ricoveri (ordinari e in Day Hospital/Day Surgery), l’attività del 2012 resta sostanzialmente stabile rispetto all’anno precedente con 23.546 ricoveri, tenuto conto del fatto che le Regole di Regione Lombardia hanno previsto, a partire dal 2012, lo spostamento di alcune attività dal regime di Day Hospital o Day Surgery a quello ambulatoriale.

Infine, per quanto concerne le prestazioni ambulatoriali, all’ospedale Sant’Anna si registra una crescita del 3% per il primo trimestre 2013 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, passando da 449.714 prestazioni erogate a 464.626 (nel 2012 ne sono state erogate complessivamente 875.767. Il primo semestre di quest’anno evidenzia anche la crescita del 4% delle prestazioni ambulatoriali erogate dai sette poliambulatori aziendali: dalle 822.173 dei primi sei mesi del 2012 si è passati alle 859.038 dei primi sei mesi di quest’anno.

 

Infine, è in aumento anche l’attività dei Cal-Dialisi (Via Napoleona, Mariano Comense, Menaggio e Longone al Segrino) che segna un +17% (23.135 prestazioni contro le 27.145 dell’ultimo semestre).

 

“Questi dati – ha sottolineato il direttore generale Marco Onofri – ci consentono di scattare una fotografia dell’attività dell’ospedale Sant’Anna, e in parte dell’azienda ospedaliera, dalla quale emerge l’impegno di tutti i nostri operatori che oggi desidero ringraziare per il lavoro svolto al servizio dei nostri pazienti. La produttività è cresciuta, ma anche la complessità dei casi di cui ci occupiamo. Grazie a una buona gestione e una buona organizzazione non solo non abbiamo ridotto la nostra offerta sanitaria, ma l’abbiamo in alcuni casi potenziata rimanendo con il bilancio in pareggio e con l’organico intatto”.

Più informazioni su