CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Porlezza: cade, distrugge la moto e poi se ne va

Più informazioni su

Il protagonista è un 34enne residente a Lugano. Forse per l’alta velocità ha sbandato nell’affrontare una curva ed è finito a terra rischiando anche di essere travolto da auto in arrivo. 15 giorni di prognosi, ma rifiuta di restare in ospedale e torna a casa subito.

 

 

 

 

E’ caduto forse per la velocità, ha distrutto la moto, ma ha rifiutato di essere ricoverato in ospedale anche perchè le ferite riportate – prognosi di 15 giorni – non erano gravi. E’ successo l’altra sera a Cima di Porlezza dove un 34enne motociclista di Barengo (No), ma domiciliato di fatto a Castagnola di Lugano, probabilmente a causa dell’alta velocità con cui affrontava le curve della strada che conduce al confine, è volato ed è rimasto steso a terra nell’opposta corsia di marcia. Rischiando di essere investito in pieno, con conseguenze pesanti, da auto in transito.

E due automobilisti, proprio per evitare l’investimento, effettuavano una repentina manovra finendo per urtarsi. Danni alle loro vetture. Il motociclista (F.V. le iniziali) veniva trasportato all’Ospedale di Menaggio dove rifiutava di sottoporsi ai test per l’accertamento dell’eventuale assunzione di alcolici e/o stupefacenti. Per questo motivo la moto –  una Ducati Monster – è stata sottoposta a sequestro ed al motociclista verranno notificate tutte le sanzioni previste dal Codice della Strada per chi si rifiuta di sottoporsi ai test di accertamento. Per lui 15 giorni di prognosi, ma si è rifiutato di farsi ricoverare in ospedale. E’ tornato subito in Ticino senza moto ed un pò claudicante…

Più informazioni su