CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Per Cantù il primo tassello: arriva il play Gentile

Più informazioni su

Formalizzato in queste ore l’acquisto del ragazzo campano, figlio del grande Nando, esploso nell’ultima stagione con Sacripanti a Caserta. Il Ds Della Fiori:”Contenti perchè è un giocatore in crescita. Sarà un tassello fondamentale per la nostra squadra”.

 

 

Primo acquisto per la nuova stagione. La Pallacanestro Cantù comunica di aver ingaggiato per le prossime due stagioni il playmaker Stefano Gentile, 1,91 di altezza. Figlio del grande “Nando” e fratello maggiore di Alessandro, è nato a Maddaloni il 20 settembre del 1989 e ha esordito in Legadue a Caserta nella stagione 2005- 2006. Dopo un anno a Imola, sempre in Legadue, il play campano si è trasferito in Serie A, all’Armani Jeans Milano, nell’annata 2007- 08, scendendo in campo in campionato in 11 partite con 1,1 punti di media.

Nel 2008- 2009 Gentile ha giocato a Ostuni, in serie B dilettanti, chiudendo l’anno con 6,1 punti di media a gara, cifre che ha incrementato nella stagione successiva a Trento, in serie A dilettanti, dove ha fatto registrare 10,5 punti, 3,1 rimbalzi e 2,3 assist di media a match. Nell’estate del 2010 il playmaker è tornato in Legadue, a Casale Monferrato, dove ha contribuito alla promozione della Junior in Serie A con 4,2 punti di media a partita. L’anno dopo Gentile è rimasto a Casale rendendosi protagonista di una buon campionato di Serie A terminato con 6,6 punti, 1,7 assist e 1,6 rimbalzi di media a gara. Nella scorsa stagione il play è definitivamente esploso alla Juve Caserta, proprio agli ordini di coach Sacripanti, mettendosi in evidenza con 10,1 punti, 3,1 rimbalzi e 2,5 assist di media a match.

“Siamo felici – commenta il Direttore Sportivo della Pallacanestro Cantù, Daniele Della Fiori – che un giocatore in grande crescita come Stefano abbia accettato la nostra proposta. Gentile, che proprio con Pino come coach ha disputato l’anno scorso la sua migliore stagione in Serie A, sarà un tassello fondamentale nel roster della nostra squadra anche per la sua capacità di cimentarsi sia nel ruolo di playmaker sia in quello di guardia”.

Più informazioni su